Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

"La resistenza dimenticata", storia di sei partigiani

"La resistenza dimenticata", storia di sei partigiani

In un libro di Picozza e Rivolta loro ruolo per la Liberazione

ROMA, 13 gennaio 2023, 18:09

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Sarà presentato a Roma, il prossimo 27 gennaio, ricorrenza del Giorno della Memoria, dedicato alla commemorazione delle vittime dell'Olocausto, il volume "La Resistenza dimenticata", che racconta la vita e l'impegno di sei partigiani, dirigendo un fascio di luce nuova sulle azioni di guerriglia, sulle vicende umane e svelando misteri sulla morte di alcuni di loro.
    Si tratta - spiegano gli autori, i giornalisti Carlo Picozza e Gianni Rivolta - di sei patrioti che, pur avendo avuto un ruolo cruciale nella lotta per la Liberazione dal nazifascismo, sono stati trascurati, quando non addirittura dimenticati dalla storiografia della Resistenza".
    Luciano Lusana, Riziero Fantini, Salvatore Petronari, Maria Baccante, Raffaella Chiatti e Anna Carrani sembrano, insomma, caduti, in un cono d'ombra. "Perché - si chiedono Picozza e Rivolta - personaggi così importanti per l'insurrezione, non solo romana, contro il nazismo e il fascismo non vengono ricordati come meriterebbero? O, come nel caso di Lusana, capo dei servizi di Informazione del Partito comunista clandestino, per un periodo responsabile della IV zona dei Gap, appaiono fatti segno da una rimozione collettiva che sembra voluta?". E con la loro ricerca, un lavoro pluridecennale, forniscono risposte e spiegazioni documentate.
    Il testo si legge come quello di una spy story, pur mai venendo meno al rigore della ricerca storica. Ci sono voluti anni di lavoro, incroci di testimonianze, colloqui orientativi e consultazione di documenti per ultimare il lavoro di scavo con cui gli autori, in alcuni casi, smontano le ipotesi sin qui avanzate, fornendo ragguagli documentali ai fatti, molti inediti, sui quali orientano l'attenzione loro e quella del lettore.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza