Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Pitti Uomo, la storia di Giorgini diventa un libro

Pitti Uomo, la storia di Giorgini diventa un libro

Ripercorre Made in Italy, con lettere, inviti, foto

FIRENZE, 12 gennaio 2023, 16:53

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Diventa un libro la storia di Giovanni Battista Giorgini, dai più definito il 'padre della moda italiana' per via della sua intuizione di organizzare la leggendaria sfilata del 12 febbraio 1951 a Villa Torrigiani a Firenze, che portò il Made in Italy nel mondo. E' 'G.B. Giorgini and the Origins of Made in Italy' (edito da Gruppo Editoriale in collaborazione con Polimoda, 49 euro, 230 pagine), presentato oggi a Pitti Uomo 103: include esclusivo materiale recuperato nell'Archivio Giorgini, l'enorme documentazione da lui stesso lasciata, relativa alla sua vita sia privata che lavorativa.
    Curato da Neri Fadigati, nipote di Giorgini, propone foto storiche, ma anche lettere, inviti, programmi, articoli e altri materiali dell'epoca. Vi sono contributi di giornalisti come Eva Desiderio e Gian Luca Bauzano, di chi l'ha conosciuto, come Roberto Capucci, e di personaggi come Ferruccio Ferragamo, Laudomia Pucci e Antonella Mansi, presidente del Centro di Firenze per la Moda Italiana. Tra i racconti nel libro anche la storia della genesi dell'evento fiorentino del 1951: i viaggi in America negli anni Venti, il desiderio delle donne americane di trovare abiti semplici e ben fatti, meno elaborati di quelli parigini.
    L'idea di Giorgini di organizzare una grande sfilata di abiti italiani in occasione della mostra Italy at Work, ma il progetto andò in fumo per il rifiuto del grande magazzino B. Altman & Co.
    Giorgini non si arrese e decise di portare il progetto della sfilata nella sua città. Il resto è la storia della moda italiana.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza