Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

>ANSA-FOCUS/Gosaku Ota, addio al disegnatore di Goldrake

>ANSA-FOCUS/Gosaku Ota, addio al disegnatore di Goldrake

Aveva 74 anni. I suoi manga dai personaggi creati da Go Nagai

ROMA, 03 gennaio 2023, 16:01

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

(di Mauretta Capuano) Addio al fumettista giapponese Gosaku Ota, disegnatore dei famosi manga di Mazinga Z, Goldrake e Jeeg robot d'acciaio, alias Ufo Robot, creati da Go Nagai, di cui era stretto collaboratore. Personaggi fantastici che sono diventati popolarissimi cartoni animati dalla fine degli anni '70 e serie cult in Italia negli anni '80 e '90.
    Nato il 16 marzo 1948 a Kaminoyama, Prefettura di Yamagata, Ota è morto a 74 anni il 12 dicembre 2022 per complicazioni legate al Covid, ma per volontà della famiglia la notizia della sua scomparsa è stata diffusa solo ora, dopo i funerali privati.
    Tanti i tributi apparsi sui social da parte di diversi mangaka.
    La carriera di fumettista di Ota è partita come assistente di Shotaro Ishinomori (Cyborg 009, Kamen Rider, Hokusai, Miyamoto Musashi) per poi diventare, dagli inizi degli anni '70, uno dei principali collaboratori di Nagai. Le sue versioni manga disegnate su carta delle saghe di Nagai Manziga Z, il Grande Mazinga, Goldrake hanno lasciato un segno indelebile, secondo gli esperti. Pubblicate in Italia negli anni Ottanta dalla Fabbri e negli anni Novanta da Granata Press, i manga disegnati da Ota tra libri e tv hanno plasmato l'immaginazione di milioni di adulti e ragazzi di tutto il mondo. Le prime puntate di Goldrake e Jeeg Robot d'Acciaio sono andate in onda in Giappone quasi cinquant'anni fa: i primi episodi furono trasmessi alla televisione giapponese il 5 ottobre 1975 e arrivarono sui nostri schermi tre anni dopo.
    Goldrake è stato il primo personaggio fantastico a segnare l'invasione dell'immaginario meccanico e di mondi lontani sul piccolo schermo in Italia, dove è arrivato nell'aprile1978 su Rai2, cambiando per sempre la cultura pop italiana. La serie televisiva Manziga Z, precursore del genere robotico nei cartoni animati giapponesi, caratterizzato da una forte contrapposizione nella eterna battaglia tra il Bene e il Male, composta da 92 episodi, in Italia è stata trasmessa in parte dalla Rai per la prima volta nel 1980.
    Con la morte di Ota se ne va un altro pezzo della Goldrake generation come sottolineano gli esperti di Nippon Shock Edizioni.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza