Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Dall'Argentina un libro sulla magia cinematografica di Roma

Dall'Argentina un libro sulla magia cinematografica di Roma

Da Rossellini a Fellini, da Pasolini a Sorrentino

BUENOS AIRES, 26 aprile 2023, 15:38

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il legame tra le metropoli e la magia del grande schermo, nonché la possibilità di viaggiare attraverso film in cui i personaggi si aggirano tra fontane, terrazze, taxi, alberghi, vicoli, macerie, periferie o monumenti di capitali emblematiche, come Roma o New York, sono le linee ispiratrici del volume Le Città e il Cinema pubblicato a Buenos Aires dalla giornalista italo-argentina María Zacco. Il confronto fra la sensibilità e la percezione dei viaggiatori con quella dei registi si può provare nel modo di vedere o parlare, ad esempio, di Roma, città i cui monumenti, in diverse epoche storiche, sono stati centrali per costruire un peculiare linguaggio cinematografico. Così Zacco ricorda come Roberto Rossellini mostri la tristezza, le macerie e le ferite causate dalla guerra nella vecchia capitale imperiale in Roma, Città Aperta (1945), mentre Federico Fellini, nel 1960, ripercorre nella Dolce Vita un ritratto graffiante e pessimista della capitale italiana, che è mutata a ritmi vertiginosi, con i consumi di massa, le celebrità, le feste, le ansie di giornalisti e le troupe cinematografiche. L'autrice esplora anche la Roma che va dallo sguardo di Pier Paolo Pasolini in Mamma Roma (1962) - film in cui le condizioni sociali influenzano la percezione e il racconto della capitale italiana - a una visione più attuale, come quella di Paolo Sorrentino con La Grande Bellezza (2013), film in cui il protagonista, lo scrittore Jep Gambardella (Toni Servillo) somiglia a Marcello Rubini (Marcello Mastroianni) della Dolce Vita, in una splendida città afflitta dagli eccessi e dall'incomunicabilità. Zacco ha spiegato all'ANSA che i luoghi emblematici della capitale italiana "hanno a che fare con i suoi monumenti, che, anche in rovina, continuano a suscitare l'ammirazione più assoluta. Ad essi, come cornice per fatti storici o racconti biblici, Roma ha fatto ricorso fin dall'inizio del cinema".
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza