Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

De Giovanni alla guida della Fondazione Premio Napoli

De Giovanni alla guida della Fondazione Premio Napoli

Lo scrittore, la mission è mettere un libro in mano ai giovani

NAPOLI, 05 aprile 2023, 18:43

Redazione ANSA

ANSACheck

Maurizio De Giovanni - RIPRODUZIONE RISERVATA

Maurizio De Giovanni - RIPRODUZIONE RISERVATA
Maurizio De Giovanni - RIPRODUZIONE RISERVATA

 Mettere un libro in mano ai ragazzi di Napoli. E' questa la mission del nuovo corso della Fondazione Premio Napoli indicata dal neo presidente, lo scrittore Maurizio De Giovanni, ufficialmente presentato oggi, 5 aprile, che non usa mezzi termini affermando che "siamo in piena emergenza: abbiamo un'intera futura classe dirigente che non pratica la lettura e dunque la sfida che raccogliamo con orgoglio è portare in mano ai ragazzi napoletani e campani un libro e bisogna farlo con molta urgenza".
    Un 'compito' non semplice visto che - come lo stesso De Giovanni sottolinea - sebbene Napoli sia città del libro, della lettura, di grandi autori, è anche la città "con i giovani più armati del continente, con la dispersione scolastica maggiore del continente, con il minor numero di lettori con più di un libro all'anno al di sotto dei 30 anni". Una condizione generale che può portare "alla fine della città dal punto di vista culturale e invece Napoli ha nella cultura la sua maggiore chance".
    Ma per portare 'a casa' il risultato, il neo presidente della Fondazione ha le idee chiare su cosa fare: stimolare l'interesse per la lettura, portare i ragazzi a leggere in modo creativo "perché li può far sentire protagonisti, farli leggere in modo funzionale". Una lettura che, ad esempio, può essere funzionale alla realizzazione di un prodotto audiovisivo ma - ha evidenziato De Giovanni - "non bisogna mai pensare che l'audiovisivo sia autosufficiente, la lettura deve essere primaria".
    Per questa 'rivoluzione' cambierà anche il compito della Giuria del Premio Napoli che diventerà anche un Comitato promotore della lettura a supporto delle iniziative. De Giovanni punta a instaurare un rapporto stretto con le scuole, con la rete delle biblioteche e con le strutture della Giunta comunale riferite all'istruzione perché - afferma - "le iniziative devono essere coordinate, serve qualcosa di sistemico".
    E per avvicinare i giovani, spazio ai canali social che non saranno solo luogo di comunicazione delle attività, ma anche portatori di contenuti, di confronto e dove troveranno spazio anche situazioni ludiche "per attirare l'attenzione dei giovani".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza