Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Baby gang', viaggio nella violenza dei giovani

'Baby gang', viaggio nella violenza dei giovani

Dalle vittime ai carnefici, anatomia del fenomeno

MILANO, 07 aprile 2023, 19:15

Redazione ANSA

ANSACheck

'Baby gang ', viaggio nella violenza dei giovani - RIPRODUZIONE RISERVATA

'Baby gang ', viaggio nella violenza dei giovani - RIPRODUZIONE RISERVATA
'Baby gang ', viaggio nella violenza dei giovani - RIPRODUZIONE RISERVATA

MILANO - Il 30% dei ragazzi italiani ha partecipato a una rissa, il 16% ha compiuto atti vandalici, il 6,5% fa parte di una banda: parte da dati 'Baby gang. Viaggio nella violenza giovanile italiana' (San Paolo edizioni, pp 160.
    16 euro) volume scritto dal giornalista Edoardo Arcidiacono. Ma è solo l'inizio per inquadrare un fenomeno che è sempre esistito e adesso, grazie anche ai social, è diventato ancora più evidente.
    Viaggio è il termine giusto perché Arcidiacono, scrittore, musicista e vicecaposervizio di Famiglia Cristiana, si è messo in viaggio per parlare con tutti i protagonisti di questo fenomeni: carabinieri, giudici, madri, sacerdoti, insegnanti, avvocati e gli stessi ragazzi, maschi e femmine perché il fenomeno non fa distinzione di genere. Ogni incontro è un capitolo diverso. C'è il maresciallo Antonio Falivene che lavora nella movida milanese. E don Claudio Burgio, cappellano del carcere minorile Beccaria, responsabile della comunità Kayros di Vimodrone, dove accoglie tanti di questi ragazzi che "presi da soli possono sembrare adolescenti tranquilli" e poi "in gruppo si trasformano".
    E ci sono i genitori come Patrizia Guerra, un passato da bulla, che si è trovata a essere la madre di una vittima e non ha voluto tacere sulle baby gang e anzi, ha fondato i City Angels ad Ancona. Nord, Sud, Centro, Isole: il fenomeno delle baby gang riunisce tutta l'Italia. A Manduria, in provincia di Taranto, Arcidiacono ha incontrato Pamela Massari, una maestra che, dopo lo scandalo per la morte di Cosimo Stano, un sessantenne con problemi psichiatrici che veniva picchiato e tormentato dal branco, ha scritto un post sulla responsabilità delle famiglie, sul "senso di impunità" con cui i ragazzi crescono. Omar invece è milanese d'origine africana, racconta dell'appartenenza al gruppo, al suo quartiere, della trap.
    'Disagio giovanile e panorama musicale rap' è il titolo della relazione firmata dal questore di Milano Giuseppe Petronzi lo scorso settembre. La fine del viaggio è un ritorno da don Burgio, alla comunità Kayros che ha come motto "non esistono ragazzi cattivi". 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza