Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Paolo Nori racconta "La libertà" al Teatro Due di Parma

Paolo Nori racconta "La libertà" al Teatro Due di Parma

Il 14 marzo con le musiche di Alessandro Nidi

PARMA, 10 marzo 2023, 18:22

Redazione ANSA

ANSACheck

Paolo Nori - RIPRODUZIONE RISERVATA

Paolo Nori - RIPRODUZIONE RISERVATA
Paolo Nori - RIPRODUZIONE RISERVATA

"Fare un discorso sulla Libertà che, partendo da un principio e passando poi da uno svolgimento, sia in grado di giungere ad una conclusione, che sia quindi in qualche modo finito, o definitivo, non è possibile": lo racconterà Paolo Nori il 14 marzo al Teatro Due di Parma nel suo nuovo spettacolo, in prima nazionale, "La libertà. Primo episodio". La nuova produzione di Fondazione Teatro Due, in scena fino al 19 marzo è la prima tappa di un percorso possibile, un primo tentativo.
    Nel suo stile unico, Paolo Nori parla, racconta e si racconta, attraverso due figure straordinarie della letteratura russa, Daniil Charms e Iosif Brodskij, che con le loro opere e la loro vita hanno cantato e incarnato quell'idea di libertà che l'avvocato anarchico Pietro Gori aveva espresso così: "Nostra patria è il mondo intero, nostra legge la libertà." L'assunto da cui parte Nori è che la teoria anarchica sia sostanzialmente basata sull'idea che l'essere umano sia buono, ed essendo un'idea difficilmente dimostrabile, l'unico modo per rivelare la sua forza è parlarne per esempi. Il discorso che lo scrittore parmigiano imposta riguardo alla libertà scorre sul filo della relazione tra noi e chi ci governa. "Io, invece che dai vari governi Pentapartito o monocolore che si dice si siano alternati alla guida del paese negli anni della mia adolescenza e della mia giovinezza, - spiega Nori - io, piuttosto che da loro, sono stato governato da Bulgakov, da Chlebnikov, da Charms, da Mandel'stam, da Blok, da Puskin, da Anna Achmatova, da Lev Tolstòj, da Gogol, da Dostoevskij, da Victor Erofeev, da Iosif Brodskij, da Ivan Goncarov, e sono stato, a volte, per degli attimi, per dei giorni, per dei mesi, un suddito felice e riconoscente. È possibile, oggi, una cosa del genere? Vediamo".
    In scena le parole di Paolo Nori sono accompagnate dalle musiche originali composte da Alessandro Nidi che le esegue insieme ad Alessandro Zezza, Andrea Coruzzi, Filippo Nidi.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza