Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Comunicatore a chi?', esce saggio di Grassi e Iadicicco

'Comunicatore a chi?', esce saggio di Grassi e Iadicicco

In libreria per Guida Editori

ROMA, 17 febbraio 2023, 19:26

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

SILVIA GRASSI E ROBERTO IADICICCO, "COMUNICATORE A CHI?" (GUIDA EDITORI). In Italia i giornalisti sono arrivati quasi a 110.000, cui si sommano gli oltre 21.000, tra comunicatori e addetti stampa in imprese, associazioni, enti pubblici. I social media manager si stanno ora associando per il riconoscimento di questa nuova professione, già molto diffusa, così come gli influencer che chiedono di essere tutelati e riconosciuti come comunicatori digitali. Il numero dei "comunicatori" è in costante aumento e dall'antica Grecia ad oggi, è una professione che si è sempre evoluta e mai estinta.
    Ma cosa distingue i "comunicatori" tra di loro? A queste domande cerca di rispondere 'Comunicatore a chi?, il saggio dei giornalisti Silvia Grassi e Roberto Iadicicco, con la prefazione di Giovanni Grasso, pubblicato da Guida.
    Esiste ancora il discrimine tra chi fa comunicazione e chi informazione? Oppure, come aveva già profetizzato nel '68 un'artista visionario come Andy Warhol, "nel futuro ognuno sarà famoso per 15 minuti" e nell'era dei social a decretare il successo sono più i numeri che i contenuti? Silvia Grassi, direttore ufficio stampa Csm e consulente per la comunicazione del Consiglio di Stato e dei Tar e Roberto Iadicicco, medico chirurgo, Head of Health Communication & Promotion di Eni e Head of External Communication di Eni Foundation, esplorano questo terreno con il contributo di chi ha fatto della comunicazione una professione.
    Tra gli "indispensabili contenuti forniti" gli autori ringraziano Simona Agnes, Claudio Baglioni, Carlo Bartoli, Novella Calligaris, Gianni Canova, Piero Chiambretti, Andrea Delogu, Nino Di Matteo, Romana Liuzzo, Alessandro Paolucci (in arte @Dio), Filippo Patroni Griffi , Lorenza Pigozzi, Fabrizio Pregliasco, Andrea Purgatori e Monica Setta.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza