Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Morto l'editore ticinese Libero Casagrande

Morto l'editore ticinese Libero Casagrande

Aveva 93 anni, fondatore dell'omonima casa editrice

ROMA, 14 febbraio 2023, 13:57

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

E' morto a 93 anni l'editore ticinese Libero Casagrande, fondatore dell'omonima casa editrice, con sede a Bellinzona dove era nato il 23 luglio 1929 e dove si è spento l'11 febbraio 2023. Lo annuncia "con tristezza" la casa editrice.
    Casagrande ha dato vita alla casa editrice nel 1949 quando nel retro della libreria-cartoleria di famiglia ha installato alcune macchine da stampa e questo è stato il primo nucleo della tipografia da cui sarebbero nate le Edizioni Casagrande. Tra le opere e gli autori pubblicati, il 'Diario svizzero' di Piero Chiara, Romain Gary, Robert Walser e Agota Kristof.
    Grazie alla collaborazione con figure come Virgilio Gilardoni, con cui Casagrande ha fondato nel 1960 la rivista "Archivio Storico Ticinese", la casa editrice è diventata presto un punto di riferimento nel panorama culturale della Svizzera italiana.
    Nel 1961 Edizioni Casagrande è la prima casa editrice ticinese premiata al concorso "I più bei libri svizzeri". Negli anni seguenti collabora con autori e studiosi della regione come Plinio Martini, Giorgio Orelli, Giovanni Orelli, Padre Callisto Caldelari, Raffaello Ceschi, Sandro Bianconi, Anna Felder, Christian Marazzi, Alberto Nessi e Fabio Pusterla.
    Appassionato sperimentatore di nuove tecniche e tecnologie, che amava testare in prima persona, Libero Casagrande è anche il creatore, nel 1982, di Libris, un gestionale per le librerie che verrà usato per anni in tutta Italia, contribuendo a far conoscere la casa editrice oltreconfine.
    "Ho sempre pilotato un po' di testa mia tutte le operazioni dell'azienda. Anche quando arrivavano per esempio le piegatrici in tipografia, le studiavo e ero poi in grado di rendermi utile quando gli operai avevano dei problemi. Quello di aiutare tecnicamente era un principio ma anche un'abitudine, una partecipazione personale. In fondo era il mio modo di vivere" diceva Casagrande.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza