Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Antonello Capurso, La piuma del Ghetto

Antonello Capurso, La piuma del Ghetto

La storia di Leone Èfrati, ebreo, campione pugilato e partigiano

ROMA, 25 gennaio 2023, 11:40

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

ANTONELLO CAPURSO, LA PIUMA DEL GHETTO. Leone Èfrati, dalla gloria al campo di sterminio (Gallucci, pp.304, 14.50 euro). Ebreo, marito, padre, campione di pugilato e partigiano: è stata una vita di coraggio, generosità e determinazione quella vissuta da Leone Èfrati e oggi raccontata da Antonello Capurso nel libro "La piuma del Ghetto", in uscita con Gallucci per il Giorno della Memoria.
    Capurso, che ha ricostruito la vicenda di Èfrati in anni di ricerche documentarie e interviste (e a lui ha dedicato uno spettacolo teatrale prodotto dalla Fondazione Museo della Shoah), ne racconta la biografia, svelandone la passione sportiva e la dedizione alla famiglia. Giovane promessa del pugilato italiano, Èfrati nel 1938 arrivò a un passo dal titolo mondiale negli Stati Uniti, ma fu dimenticato in Italia perché cancellato dagli annuari sportivi fascisti e dai giornali in quanto ebreo. Deportato ad Auschwitz, dopo essere tornato a Roma per stare vicino alla famiglia negli anni delle leggi razziali, fu costretto dagli aguzzini del lager a combattere con pugili molto più pesanti di lui e fu ucciso per aver cercato di difendere il fratello. Una storia tragica, chiusa però con un lampo, seppur troppo tardivo, di giustizia: al processo del 1947 la testimonianza del figlio di Leone, di soli sette anni, consentì infatti di condannare i cacciatori di ebrei che avevano fatto arrestare il padre.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza