Libri: Toma, il giornalista che si fece notizia

Le vicissitudini di un direttore di tg locale

(ANSA) - TRIESTE, 19 FEB - IL GIORNALISTA CHE SI FECE NOTIZIA, di Piero Antonio Toma (Homo scrivens; 155 pagg.; 15 euro) Come un tappeto che si arrotola, così Gianluigi, giornalista affermato di una emittente televisiva locale, finisce per essere stritolato dalla propria immagine di personaggio televisivo fino a un epilogo tragico. Incapace di divincolare la vita privata dal ruolo del giornalista di successo, perde in lucidità e serenità personale e familiare. E' il tema de "Il giornalista che si fece notizia" del (vero) giornalista e scrittore Piero Antonio Toma, il cui protagonista, Gianluigi, appunto, finisce per avvitarsi su se stesso - con lentezza ma inesorabilmente - fino ad allontanarsi dal mondo e dagli affetti che lo hanno circondato fino a quel momento.
    Gianluigi è un bravo giornalista, il telegiornale di una emittente locale napoletana che dirige è molto seguito e la forte partecipazione di pubblico e i messaggi che riceve lo testimoniano continuamente. Ha una moglie alla quale è legato e che gli sta vicino devotamente, ma ormai senza particolari sobbalzi emotivi; una coppia collaudata che si concede un momento di intimità alla settimana, sempre lo stesso giorno e alla stessa ora.
    Normale che voglia migliorare e migliorarsi. Si inventa allora qualcosa di nuovo per la televisione e dunque comincia a organizzare dibattiti e a svolgere approfondite inchieste. Il suo successo aumenta, l'audience sale ma lui si sta già impastoiando in una gara al miglioramento in modo inarrestabile.
    Decide di associare alla fondatezza delle notizie il gusto effimero di un oroscopo: è lui stesso a ipotizzare i destini dei singoli segni zodiacali, lo fa in modo casuale e, ovviamente, senza crederci lui per primo. Non è escluso che il disingannato pubblico partenopeo immagini che dietro quegli scenari legati al Capricorno e al Sagittario, ai Pesci come ai Gemelli, ci sia una bonaria truffa, quasi una fraterna presa in giro, ma sta al gioco e prende in considerazione il vaticinio di Gianluigi.
    Un giorno in redazione piomba una donna dalla bellezza mozzafiato. Non è soltanto bella, è anche intelligente e seria e, sebbene sia parente del proprietario dell'emittente, si rifiuta di essere raccomandata. Nasce presto, insperatamente, una relazione con Gianluigi, che diventa più intensa con il passare del tempo, anche se priva di promesse d'amore eterno e di progettualità di vita. Una relazione che si interrompe così, all'improvviso e con sorpresa per lui che dovrà fare alcune ricerche prima di capire la vera ragione per cui la donna è scomparsa senza nemmeno lasciare e lasciargli un messaggio.
    In un crescendo che poggia sul passare del tempo, Gianluigi comincia a provare piacere soltanto nel penetrare i segreti della Rete. Astuto, gli basta poco tempo per diventare un hacker. Si è dato un compito: non quello banale di distruggere dati sensibili di multinazionali, sfondare i sistemi di sicurezza del Pentagono o arricchirsi accreditando sul proprio conto corrente una sommetta prelevata a qualche sceicco, ma tentare di riequilibrare almeno qualcuna delle tante ingiustizie che vede e che conosce. Fino a un epilogo non scontato.
    Piero Antonio Toma ha pubblicato numerosi libri tra saggi (sul porto di Napoli, sulla figura di Renato Caccioppoli, sul giornalismo a Napoli e non solo) e romanzi e volumi di racconti.
    (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie