Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

American Fiction, commedia anti-stereotipi agli Oscar

American Fiction, commedia anti-stereotipi agli Oscar

L'opera prima di Jefferson in corsa con cinque candidature

ROMA, 29 febbraio 2024, 18:56

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

Che Hollywood sia davvero stanca della woke culture, del politicamente corretto che spesso è solo 'politicamente falso'? Sembra davvero di sì se approda agli Oscar, tra i dieci film in corsa, con ben cinque candidature (miglior film, attore, sceneggiatura non originale, attore non protagonista e colonna sonora) un'opera prima molto indie (con un budget ridicolo) come American Fiction di Cord Jefferson. Un film mille miglia lontano da Green Book, commedia buonista sull'amicizia tra un autista bianco e un pianista di colore negli anni '60. Al grido di 'facciamola finita con gli stereotipi', 'basta identitarismo', questo film racconta una cosa semplice: la borghesia nera non ha voce e i problemi di molti afroamericani oggi sono del tutto diversi, ma non vanno di moda, non soddisfano insomma quel razzismo camuffato da approvazione che amano tanto i bianchi.

È quello che succede appunto a Thelonious Ellison (Jeffrey Wright), il protagonista di American Fiction, professore nero di letteratura e romanziere sfigato perché i romanzi che propone all'editore sono considerati poco 'neri': ovvero senza padri assenti, rap, crack, parolacce e gente uccisa da cattivi poliziotti bianchi. Thelonious, abbastanza intelligente per sopportare questo suo destino, manca però all'appuntamento con la tolleranza solo quando una scrittrice afroamericana, anche più borghese di lui, pubblica un romanzo furbo che diventa immediatamente un successo, cavalcando appunto tutti gli stereotipi possibili e con uno slang povero, tutte cose che titillano il senso di colpa dei bianchi. Così Thelonious, furioso, si inventa uno pseudonimo e scrive subito un libro dello stesso tipo dal titolo molto nero: Fuck. E arrivano successo, soldi e anche un adattamento cinematografico.

Tra i momenti più eclatanti di American Fiction quello che vede Thelonious venire inserito nella giuria di un premio letterario ("un nero ci sta bene in giuria") e si ritrova a giudicare quel libro che ha scritto sotto pseudonimo. E la commedia? C'è, grazie alla bravura di Jeffrey Wright, capace di un'ironia sottile, come d'altronde di tutto il cast: Tracee Ellis Ross, Issa Rae, Sterling K. Brown (candidato come attore non protagonista nei panni del fratello gay di Thelonious), John Ortiz, Erika Alexander, Leslie Uggams, Adam Brody e Keith David. Frase cult di questo film, liberamente adattato dal romanzo Cancellazione di Percival Everett, quella che dice Thelonious su ciò che vogliono gli editori bianchi dagli autori neri: "libri necessari', 'ferite aperte', sono affamati di 'black trauma'".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza