Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'Africa neocoloniale di Mati Diop vince a Berlino l'Orso d'Oro

L'Africa neocoloniale di Mati Diop vince a Berlino l'Orso d'Oro

Orsi d'argento a Sangsoo e Dumont, Migliore regia al dominicano Nelson Carlos per il film Pepe. Niente premi all'Italia

25 febbraio 2024, 14:42

Rodolfo Calò

ANSACheck

Closing ceremony - 74th Berlin Film Festival © ANSA/EPA

Closing ceremony - 74th Berlin Film Festival © ANSA/EPA
Closing ceremony - 74th Berlin Film Festival © ANSA/EPA

Al Festival di Berlino l'ha spuntata l'Africa nel suo rapporto difficile e ancora post-coloniale con l'Europa: l'Orso d'Oro della 74/a edizione della Berlinale è stato vinto infatti dal documentario "Dahomey" della regista francese Mati Diop che l'ha spuntata su altri due favoriti: il conterraneo Bruno Dumont e il sudcoreano Hong Sangsoo. L'annuncio è stato fatto in una serata di gala connotata da appelli in favore del popolo palestinese sotto attacco israeliano e dall'addio alla Berlinale del suo direttore artistico, Carlo Charian, ma senza premi per film italiani.

A vincere dunque è stato il documentario in cui Diop parla di colonizzazione attraverso la storia delle opere d'arte restituite al Benin nel 2021 dopo essere state rubate dai colonizzatori francesi nel 1892, quando il paese africano fu chiamato Regno del Dahomey.

A Sangsoo è andato l'Orso d'Argento "Grand Jury Prize" della Berlinale per A Traveller's Need con con Isabelle Huppert e a Dumont quello della Giuria per il suo l'Empire, che fa la parodia di Star Wars bel nord della Francia: una connotazione tutta francese che ha sottolineato facendo parlare un software di traduzione vocale del suo telefonino nel momento di ringraziare la giuria dato che - ha sostenuto - sa poco l'inglese.

La giuria guidata dall'attrice, regista, produttrice e autrice di best seller Lupita Nyong'o, keniano-messicana prima donna di colore a svolgere questo ruolo, ha assegnato l'Orso di Argento per la Migliore Regia al dominicano Nelson Carlos De Los Santos Arias per il film più bizzarro dell'intera berlinale: Pepe, incentrato sull'ippopotamo dello zoo privato del re del narcotraffico Pablo Escobar. Il premio per la migliore performance protagonista è andato a Sebastian Stan in "Different Man" e quello per l'interprete non-protagonista a Emily Watson in Small Things Like These, il film di apertura di Tim Mielants che ha trainato i media esibendo Cillian Murphy, l'attore irlandese di Oppenheimer. Nell'annunciare il premio, Jasmine Trinca - una dei sette componenti della giuria - ha lanciato un appello per una tregua a Gaza dicendo "cease fire now". Lo slogan era apparso anche in adesivi su vestiti passati sul tappeto rosso. Con indosso una kefiah si è presentato sul palco l'americano Ben Russell per ritirare il premio del miglio film della sezione "Encounters" (Direct Action, sulle tecniche di protesta).

Nel secondo anniversario dell'inizio della guerra, un richiamo all'Ucraina è venuta da un'altra giurata, scrittrice ucraina Oksana Zabuzhko che ha denunciato "la guerra di sterminio" russa.
Il film iraniano "My Favourite Cake" della coppia di registi Maryam Moghaddam e Behtash Sanaeeha, cui le autorità di Teheran hanno confiscato il passaporto e non sono quindi potuti andare a Berlino, ha ricevuto due premi delle giurie indipendenti (Chiese e Fipresci).
In questa quinta e ultima edizione del Festival di Berlino firmata dal direttore artistico Carlo Chatrian prima dell'arrivo dell'eclettica statunitense (sarà anche direttrice esecutiva) Tricia Tuttle, sono rimaste senza riconoscimenti le due produzioni italiane in concorso (il dramma fantascientifico "Another End" di Pietro Messina e film musicale tutto al femminile "Gloria!", opera prima di Margherita Vicario) e le due serie "Supersex" e "Dostoevskij". 

 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza