Cultura

Addio Larry McMurtry, smitizzò il vecchio West

Nel Volo delle Colombe (Pulitzer) e Brokeback Mountain (Oscar)

Larry McMurtry, il prolifico scrittore e sceneggiatore statunitense vincitore di un Pulitzer per il romanzo "Un volo di colombe" e di un Oscar, assieme a Diana Ossana per l'adattamento cinematografico di "I segreti di Brokeback Mountain" di Ang Lee, e' morto a 84 anni. Lo ha annunciato Amanda Lundberg, una portavoce della famiglia, senza precisare dove o di cosa sia morto lo scrittore. Per "Brokeback Mountain" McMurtry aveva anche vinto un Bafta e un Golden Globe.
Da alcuni suoi romanzi sono stati tratti film di successo tra cui "Hud il Selvaggio", "L'Ultimo Spettacolo" e "Voglia di Tenerezza". McMurtry "aveva smitizzato il vecchio West americano con descrizioni poco romantiche della vita della Frontiera nell'Ottocento e nelle piccole citta' del Texas contemporaneo", lo ha ricordato oggi il New York Times. In una carriera di oltre mezzo secolo, McMurtry aveva scritto oltre 30 romanzi e vari libri di saggistica, storia e memoir. Aveva firmato oltre 30 sceneggiature tra cui nel 2005 l'adattamento del racconto di Annie Proulx sulla love story impossibile tra due cowboy gay che l'anno dopo gli aveva guadagnato l'Academy Award. Film derivati da opere di McMurtry hanno guadagnato 34 nomination e 13 vittorie: tra questi "Voglia di Tenerezza" diretto da James Brooks con Shirley MacLaine, Debra Winger e Jack Nicholson che vinse l'Oscar per il miglior film nel 1983. Il suo successo maggiore, sia di critica che di pubblico, era stato con "Lonesome Dove", un romanzo-fiume di 843 pagine su due Ranger del Texas in pensione che portano un mandria di bestiame rubata dal Rio Grande al Montana negli anni Settanta dell'Ottocento. Il libro vinse il Pulitzer per la narrativa nel 1986 e fu adattato in una popolare miniserie tv vincitrice di sette Emmy.
McMurtry l'aveva scritto come un anti-Western, in reazione all'idea romantica del West popolarizzata sa autori come Louis L'Amour, lo scrittore preferito da Ronald Reagan. "Sono un critico del mito dei cowboy", aveva detto in una intervista del 1988: "E siccome fa parte della mia eredita' mi sento di poterlo legittimamente criticare". McMurtry era il figlio di un allevatore di bestiame e il realismo dei suoi libri rifletteva il Texas che aveva conosciuto da ragazzo. Il suo primo romanzo,"Horseman, Pass By" del 1961, che fu poi portato al cinema nel film "Hud" diretto da Martin Ritt e con Paul Newman, esaminava i valori del vecchio West nel loro conflitto con il mondo moderno. Un altro film derivato dai suoi romanzi fu "The Last Picture Show" del 1971 con Jeff Bridges e Cybill Shepherd e la regia di Peter Bogdanovich.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie