Samuel Jackson 'predicatore' contro il Covid-19

L'attore invita bambini e adulti a stare a casa

Samuel L. Jackson non è nuovo ad impersonare il predicatore filosofo armato di pistola, basti solo pensare ai suoi monologhi nei panni di Jules in 'Pulp Fiction' di Quentin Tarantino. Ora questa sua qualità, in epoca Coronavirus, viene messa al servizio di bambini e adulti attraverso la lettura di una filastrocca sui tanti motivi per restare a casa. Una specie di favola dark, a cui non mancano parole colorite, dal titolo 'Stay 'The F..ck at Home', scritta da Adam Mansbach. Autore quest'ultimo già noto per il bestseller per bambini dal titolo altrettanto esplicito:'Go the F..ck to Sleep' ('Fai sta ca..o di nanna' edito in Italia da Mondadori). L'attore afro-americano, con il suo stile curial-coatto, ha letto così al Jimmy Kimmel Live Show, questa filastrocca che dice tra l'altro: "Il Coronavirus si sta diffondendo/ Questo schifo non è uno scherzo/ Non c'è tempo per lavorare o per uscire/ Amico mio, è una cosa semplice/ puoi combatterlo soltanto/ Restando a casa, ca..o). E ancora: "Lo so non sono un dottore/ Ma ascoltami mentre leggo questa poesia, figlio di pu...na/ Sono io, Sam fot..to Jackson/ e ti imploro: il tuo cu.o deve restare a casa". Infine, sulla curva di crescita e decrescita del Coronavirus: "Grazie di fare la tua parte/Per appiattire la curva/ Quella m..da però è ancora ripida/ E ora che sei a casa, ti prego, sentiti libero/ di andartene a letto, ca..o". Nel frattempo sulla piattaforma Apple TV+ si può trovare da qualche giorno il suo ultimo film, 'The Banker' ,di George Nolfi che ha nel cast oltre Jackson, Nicholas Hoult e Anthony Mackie. Siamo negli anni '50 e Bernard Garrett (Anthony Mackie) e Joe Morris (Samuel L. Jackson) sono due imprenditori afroamericani davvero molto smart che decidono a un certo punto di comprare diverse proprietà immobiliari. E questo quando il business immobiliare, come quello bancario, era assoluta prerogativa dei soli bianchi e non c'era una sola persona di colore che potesse maneggiare migliaia di dollari per fare affari. Prevedendo così problemi con le istituzioni, i due nominano a capo della loro azienda un operaio bianco, Matt Steiner (Nicholas Hoult) mentre loro due si fingono uno l'autista e l'altro il custode per poter seguire i loro affari con la necessaria discrezione. Non solo. In polemica con il mondo dei bianchi, Garrett e Morris compreranno addirittura una banca al solo scopo di elargire prestiti di denaro anche ai cittadini neri.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie