Architettura e cinema per Centro di Alta Formazione europea

Al via Premio Solinas, 31/ma edizione con Cantiere delle storie

 LA MADDALENA - Andrea Cani, Michele Ciudino, Stefano Dettori, Giulia Masia, Giulia Perini, Elena Scano, Federico Solinas : 7 ragazzi che stanno per laurearsi in architettura all'Università di Sassari. Tante storie e provenienze diverse. Tanti percorsi ed un unico obiettivo, anzi ''cantiere'', quello delle storie . Ed è proprio il ''Cantiere delle storie'', il progetto voluto dal Premio Solinas che quest'anno e' alla sua 31/ma edizione ed è tornato alla Maddalena, sua storica sede, per dare vita ad un progetto per un Centro di Alta formazione europeo per il cinema e l'audiovisivo.
    Sostenibilità ambientale, sociale ed economica e flessibilità, sono i criteri ispiratori dei progetti architettonici presentati oggi e che riguardano il recupero dell'ex Arsenale della Maddalena, residenza Carlo Felice ed alcuni edifici del centro storico. Un contesto che - è stato detto nel corso della presentazione - risente ancora molto della dismissione delle attività militari e di un G8 mai nato che ha lasciato tante ferite aperte. Architettura e cinema, dunque, non sono affatto distanti come può sembrare, ad avvicinarle ancora di più ci ha pensato anche Paolo Sorrentino. Ed è Annamaria Granatello, presidente del Premio Solinas, a ricordare le parole di Paolo: ''Devo tutto al Premio Solinas, cosa posso fare? Sono pronto a sostenerlo purché torni alla Maddalena''. La grande possibilità che gli era stata data - ricorda ancora la Granatello - di trascorrere tre giorni con i professionisti del cinema che avevano ribaltato la sua esistenza e la sua formazione ha dato vita al Cantiere delle storie e all'idea di progettare un Centro internazionale di alta formazione per il cinema. ''Architettura e cinema - hanno detto Paola Pittaluga e Francesco Spanedda coordinatrice e docente del Dipartimento di Architettura delll'Universita' di Sassari- sono due arti che si incontrano. ''Possono sembrare distanti invece il rapporto è intenso. Proprio come nella grande bellezza di Paolo Sorrentino - aggiungono - l'architettura è narrazione, la narrazione di luoghi che sono lo spazio delle nostre vite. Siamo - concludono -immersi nell'architettura''.
    Proprio come nei luoghi e nelle immagini dei film di Sorrentino''.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie