Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Porcile di Pasolini nella rilettura di Arte e Salute

Porcile di Pasolini nella rilettura di Arte e Salute

All'Arena del Sole di Bologna con la regia di Nanni Garella

BOLOGNA, 26 febbraio 2024, 10:51

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La compagnia Arte e Salute torna all'Arena del Sole di Bologna dal 27 febbraio al 3 marzo con Porcile, lavoro che ha visto gli attori della storica compagnia bolognese guidati da Nanni Garella in una inedita collaborazione con Balletto Civile e Michela Lucenti, che ne ha curato le coreografie. Uno spettacolo coprodotto da Emilia Romagna Teatro e Balletto Civile, con Associazione Arte e Salute, Regione Emilia-Romagna - Progetto "Teatro e salute mentale", Dipartimento di Salute Mentale dell'Azienda USL di Bologna.
    Porcile è un dramma ambientato nell'estate del 1967 a Godesberg, città della Germania nei pressi di Bonn, dove gli strascichi del nazismo sono ancora evidenti. Qui vive una famiglia borghese di ricchi industriali, i Klotz, il cui figlio Julian passa le giornate nel disinteresse e nell'apatia. Il giovane protagonista porta sulle spalle il peso di un'eredità intollerabile, quella che vide gli industriali, e dunque anche la sua famiglia, collaborare con il regime di Hitler. "Julian assomiglia molto a Pasolini da giovane - scrive il regista Nanni Garella - per questo infinito amore per la vita nonostante le difficoltà, le persecuzioni e le angherie". Ispirandosi all'omonimo film di Pasolini del 1969, Garella sceglie di dare più spazio al coro, che in Porcile appare soltanto alla fine per annunciare la morte improvvisa di Julian ed è costituito da un gruppo di contadini, tra cui immigrati italiani, che vivono e lavorano fuori dalla grande villa dei Klotz. Le vicende vengono così intervallate dalle parti corali in una scena costituita da tre uscite e un muro di luce.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza