Mostre: Urbino rende omaggio a Luciano Ventrone

A Palazzo Ducale 45 opere dell'artista, scomparso un mese fa

(ANSA) - ANCONA, 15 MAG - La mostra 'Luciano Ventrone. Il pittore dell'iperbole' a cura di Vittorio Sgarbi, dal 16 maggio presso le sale del Castellare di Palazzo Ducale, apre la stagione culturale 2021 a Urbino. La mostra rende omaggio ad un grande artista contemporaneo, famoso per le sue nature morte iperrealistiche, a poche settimane dalla sua scomparsa, avvenuta a metà aprile nella sua casa-studio di Collelongo, in provincia dell'Aquila, in circostanze tragiche, per l'esplosione della bombola per l'ossigenoterapia, utilizzata per problemi respiratori. Esposte 45 opere di Luciano Ventrone, grande maestro dal virtuosismo eccezionale che per "ricostruire" scompone le forme. Nella sua tecnica la fotografia è un punto dal quale parte l'astrazione del soggetto, che si priva del suo essere materia per essere vissuto solo attraverso la luce.
    Lavorando direttamente sulla fotografia, Ventrone coglie quei dettagli non visibili all'occhio umano e che meravigliano sempre lo spettatore.
    Uno degli artisti italiani maggiormente conosciuti a livello internazionale, ha esposto nei più importanti musei e gallerie, da Roma a Milano, da Londra a Singapore, da New York a Mosca e San Pietroburgo. Nelle sue opere crea mondi suggestivi, carichi di vissuto e di emozione. La scelta dei soggetti lo lega a grandi pittori del passato (Federico Zeri lo definì "il Caravaggio del XX secolo"), tuttavia la sua attenzione per l'applicazione della pittura, il suo trattamento del colore e della luce lo pongono tra i contemporanei. "Luciano Ventrone è - spiega Sgarbi - un artista contemporaneo che realizza opere che le persone vengono a vedere perché vogliono meravigliarsi. Ha saputo affermarsi come grande maestro nella figurazione, con un virtuosismo eccezionale. L'artista sembra cercare un assoluto, una essenza, che, nell'opera, accresce la realtà, non si limita a riprodurla. È di più. Ventrone è il pittore dell'iperbole. E iperboliche, esagerate, barocche appunto, sono le sue opere, piuttosto che iperrealistiche. Una grande illusione". L'artista aveva aderito al progetto espositivo, ma non ha potuto vederlo realizzato. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie