Mostra virtuale tesi di design anche con visori e videogame

Allo Ied in presenza Exhibition IED di arte generativa digitale

(ANSA) - MILANO, 04 MAG - Dopo la versione app, dal 4 maggio è fruibile a Milano in presenza l'Exhibition IED di arte generativa digitale, per un viaggio inedito nella creatività e nel progetto. Sarà possibile esplorare una intera mostra infilandosi un visore VR o premendo i tasti di un cabinato videogame in pieno stile anni'80.
    Ad attendere il pubblico, su appuntamento, nella sede IED Milano è un'exhibition innovativa non solo per il contesto virtuale che ospita le opere, ma anche per la sua fruizione, in tre modalità che guardano alla contemporaneità e al futuro strizzando l'occhio alla tecnologia vintage. Dopo l'app, lanciata lo scorso gennaio, si apre infatti all'esperienza on site tramite cabinato videogame (quello che i più nostalgici ricorderanno nelle sale giochi, originale nella struttura ma completamente rimodernato nello stile) e attraverso avanzati visori Oculus per la realtà virtuale.
    Al loro interno, una vera stanza delle meraviglie in cui immergersi alla scoperta di innovative idee progettuali, dall' illustrazione al cortometraggio, dalla moda alla fotografia, dal product all'interior design: un mondo in cui muoversi per un totale di 22 km di percorso virtuale per cabinato e app (3 i chilometri considerando soltanto le gallery di immagini) e ben 4 km quadrati di spazio da esplorare in presenza con il visore Oculus. "IED Amaze Project è un mondo interattivo gamificato, in cui l'arte generativa tridimensionale crea un ambiente cangiante e vivo intorno ai progetti presentati, in grado di far coesistere diverse nature progettuali in un medesimo contesto", racconta Giacomo Giannella, alumnus IED di CG Animation e co-fondatore con Giuliana Geronimo dello studio milanese Streamcolors, con cui IED ha collaborato per lo sviluppo e l' implementazione dell'exhibition.
    Sono 34 i progetti di tesi presentati, frutto dell'inventiva e del talento di più di 100 studenti, la mostra propone oltre 350 foto, tre ore complessive di materiali video e 10 installazioni in 3D, ma anche sketch, tavole e bozzetti parte del making of di progetto, per dare risalto non solo al prodotto finito ma anche al processo creativo e a quel metodo progettuale trasversale a tutte le aree del design coinvolte. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      In Collaborazione con

      Vai al sito del Maxxi

      Modifica consenso Cookie