Cultura

Sanremo: Caccamo, dai live con Battiato all'Ariston

Tra le Nuove Proposte con Ritornero' da te. Gia' pronto l'album

Sul palco dell'Ariston, prima di sedersi al piano, dovra' toccarsi la guancia. E' il saluto in codice che Giovanni Caccamo, 24enne siciliano di Modica scelto tra le otto Nuove Proposte del prossimo Festival di Sanremo con il brano Ritornero' da te, da lui scritto e composto, ha promesso di fare all'Edicola di Fiorello, dove e' gia' stato ospite, facendo "le poste" all'alba al mattatore radiofonico. Ma il ruolo di stalker - come scherza lui, in un'intervista all'ANSA - e' venuto fuori anche altre volte. Con Dolcenera, ad esempio, e con Franco Battiato, tampinato sulle spiagge siciliane per la consegna di un cd. Un'ostinazione che pero' ha portato bene: il maestro, dopo aver ascoltato il suo lavoro, lo ha voluto con se' ad aprire i live del tour del 2013, in una collaborazione che riservera' in un prossimo futuro sorprese ancora da svelare.

Il Festival dunque - gia' provato altre tre volte - e' la ciliegina sulla torta, considerando anche che oltre alla partecipazione tra i Giovani, Caccamo e' anche uno degli autori del brano di Malika Ayane, in gara tra i Big.

E si candida gia' per scrivere testi per Elisa, Bocelli, Giorgia, Francesca Michielin. "C'e' grande emozione per Sanremo ed ho la stessa paura di quando Battiato mi chiese di aprire i suoi live. In piu' in questo mese di pre-festival c'e' stata anche la chiusura del mio album, Qui per te - e lo dice mostrandoci soddisfatto la copertina gia' pronta -, e questo mi da' grande gioia ed entusiasmo".

Undici brani, uno diverso dall'altro, piu' una bonus track che avranno suoni inaspettati, promette, e il cui filo conduttore e' l'introspezione e il rapporto con se stessi. Colpiscono i suoi occhi accesi, il suo bel viso in cui si incontrano in un mix perfetto dolcezza e sfrontatezza. E si capisce come in passato abbia gia' lavorato per la tv con le trasmissioni di Rai Gulp, per Uno Mattina Estate, per Lo Zecchino d'Oro. E grazie al Coro dell'Antoniano, dove aveva debuttato a 11 anni, qualche anno fa arriva come inviato all'Ariston. "Intervistavo i grandi artisti e quanto avrei voluto essere al loro posto! - ricorda - Oggi ci sono e mi sento euforico. Avevo provato altre volte, ma senza la stessa serenita' e soprattutto senza la Sugar e Caterina Caselli. Adesso e' il momento giusto". Per esorcizzare la settimana "alienante" del Festival come la definisce lui stesso, si sta dedicando a una divertente web serie un po' alla Nanni Loy, visibile sul suo canale youtube, in cui va alla ricerca porta a porta di un pianoforte per esercitarsi. "E' la versione demente del Live at home, un concept live che per il mio bisogno di tour, mi ha portato a fare 54 date in giro per l'Europa nei salotti di chi metteva a disposizione, sul mio sito, il proprio pianoforte - spiega -. Un modo di avvicinarmi molto al pubblico, perche' io credo che la musica sia uno scambio tra le storie che racconto e quelle che ho la possibilita' di conoscere e il contatto umano e' linfa vitale. Nella web serie vado in giro a suonare ai citofoni di sconosciuti chiedendo di poter utilizzare il loro piano perche' il mio si e' rotto e devo prepararmi per il Festival. Un modo per capire anche come l'Italia reagisce a un sorriso". Il risultato non sembra incoraggiante: "l'80% mi manda a quel paese, il 10% non mi apre, un ultimo 10% ha il piano e mi apre. W quel 10%". Ma Battiato come ha commentato Sanremo? E imitando la voce del maestro, Caccamo risponde: "Mi ha detto: 'E' il tuo momento'. E' persona splendida. E' una persona presente nella sua vita, in quello che fa: un esempio".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie