Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Mafia: chiesta condanna per il boss che si cucì la bocca

Mafia: chiesta condanna per il boss che si cucì la bocca

Imputato a Torino per una vicenda di estorsione

TORINO, 29 febbraio 2024, 16:52

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Durante il maxiprocesso di Palermo divenne celebre cucendosi la bocca con una spillatrice per protesta contro i pentiti. Oggi il 74enne Salvatore Ercolano detto Turi, ex esponente storico di Cosa Nostra catanese, è imputato a Torino per una vicenda di estorsione: secondo l'accusa, tra il 2018 e il 2019 insieme a dei complici avrebbe offerto protezione al titolare di un autolavaggio in cambio di denaro. Per lui la procura del capoluogo piemontese ha chiesto nove anni di reclusione.
    Ercolano, cugino del boss Nitto Santapaola, fu tra i condannati del maxiprocesso. A Torino era tornato in libertà dopo aver trascorso in carcere 30 anni.
    In questo nuovo processo, dove è difeso dall'avvocato Salvo Lo Greco, gli viene contestata anche l'associazione di stampo mafioso. Per un secondo imputato, che deve rispondere di una violazione della legge sulle armi (è assistito dall'avvocato Domenico Peila), il pm Paolo Toso ha chiesto il proscioglimento.
    La sentenza è prevista nelle prossime settimane.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza