Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

"Il sorpasso" del cinema italiano, in un libro sui suoi epigoni

"Il sorpasso" del cinema italiano, in un libro sui suoi epigoni

La pellicola di Dino Risi con Gassman analizzata in un saggio

PALERMO, 29 febbraio 2024, 14:50

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

"Ci sono film che non invecchiano mai, pellicole che a rivederle a distanza di anni continuano a piacerci come la prima volta, spesso diretti da registi di cui è difficile scegliere quale sia l'opera migliore, quella da inserire in cima ad una ipotetica classifica dei loro film più belli", scrive Carmelo Franco, avvocato penalista palermitano appassionato sin da ragazzo alla storia del cinema . E alla luce di questa affermazione puntando la sua attenzione sul famoso film con Vittorio Gassman e Jean-Louis Trintignant del 1962, ha scitto il libro, in distribuzione in questi giorni, "A scuola da Dino Risi Il Sorpasso e i suoi epigoni", per i tipi di Morlacchi Editore, (92 pagine, 13 euro). "Sono passati oltre sessant'anni dall'uscita in sala del primo road movie tutto italiano, come si può oggi definire il film di Risi, ma che all'epoca era un termine non ancora entrato in uso, nel nostro Paese come altrove. Il filone dei film su strada, infatti, riceverà consacrazione negli Stati Uniti e sarà riconoscibile come genere solo alla fine degli anni Sessanta, con l'uscita di pellicole quali Gangster Story (1967) e Easy rider (1969), e quindi il film di Risi lo si potrebbe considerare anche uno dei primi esemplari del nascente filone, almeno in itala", aggiunge Franco.
    Osserva il giornalista Ivan Scinardo nella postfazione: "Il cinema di quegli anni trovò così un proprio stile, usando le armi dell'ironia e della satira per raccontare la società del tempo, in perfetto equilibrio tra la commedia all'italiana e il dramma sociale. Nel libro non mancano i passaggi introspettivi che l'autore narra, scandagliando i caratteri dei personaggi".
    Per Davide Pulici, saggista italiano, fondatore, con Manlio Gomarasca, della rivista di cinema di genere, Nocturno, che cura la prefazione al libro:"Il sorpasso, ebbe le caratteristiche non solo di una pietra d'angolo rispetto alle produzioni indigene, ma di un archetipo, un palinsesto in grado di determinare finanche imitazioni & ricalchi Oltreoceano, ovvero in tutt'altro contesto storico e sociale. Il che depone, quindi, per un valore universale della pellicola, che travalica il qui e adesso italiota".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza