Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Strage in famiglia, omicida scarica colpa su altri indagati

Strage in famiglia, omicida scarica colpa su altri indagati

Legale chiederà una perizia psichiatrica sul suo cliente

PALERMO, 28 febbraio 2024, 15:13

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Cominciano a riaffiorare tante scene che lo portano a scagliarsi contro Massimo e Sabrina". Lo dice l'avvocato Giancarlo Barracato che difende Giovanni Barreca l'uomo accusato, insieme alla figlia di 17 anni e a una coppia di amici, Massimo Carandente e Sabrina Fina, di avere ucciso la moglie e i due figli di 16 e 5 anni. Il legale chiederà una perizia psichiatrica sul suo cliente e un interrogatorio con i pm.
    All'avvocato, che stamattina lo ha incontrato in carcere, il muratore di Altavilla Milicia ha raccontato di non ricordare di avere usato violenza contro la sua famiglia scaricando sui due coniugi la responsabilità dei tre omicidi. avvenuti durante un esorcismo.
    "Non è pentito, perché l'obiettivo era liberare la casa dai demoni. Lui non pensa di aver fatto quello di cui era accusato.
    Lui dice si essere stato imbambolato". spiega il legale.
    Barreca ha chiesto di vedere la figlia di 17 anni. "La ragazza è stata in qualche maniere coinvolta da Massimo e Sabrina, era sempre insieme a loro - aggiunge l'avvocato - Dormiva abbracciata alla coppia".
    Il muratore ha riferito al difensore che, dopo i delitti, ha accompagnato i complici alla stazione. "È arrabbiato con loro - spiega - soprattutto per il fatto che erano molto insistenti nei confronti della moglie e dei figli. Ci sono aspetti che dovranno essere approfonditi. A sprazzi, nella sua memoria, stanno emergendo alcuni particolari importanti che mi ha riferito, ma questo non vuol dire che percepisca la realtà in modo normale.
    Nella sua mente, infatti, rimane sempre la convinzione che nella villetta c'era il demonio".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza