Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Truffa Ue, a giudizio i vertici dell'Amap a Palermo

Truffa Ue, a giudizio i vertici dell'Amap a Palermo

Inchiesta sulla società che gestisce il servizio idrico comunale

PALERMO, 26 febbraio 2024, 13:33

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il gip ha rinviato a giudizio, su richiesta della procura europea, sezione palermitana, Giuseppe Ragonese, direttore generale di Amap, la società che gestisce il servizio idrico comunale, Alessandro Di Martino, amministratore unico e Maria Concetta Prestigiacomo ex amministratore unico da marzo 2014 a marzo 2019. Avrebbero omesso di comunicare una serie di "gravi e reiterate violazioni in materia ambientale" che hanno portato, nel 2021, al commissariamento dell'Amap, per ottenere un prestito milionario dall'Ue nell'ambito di un programma europeo per la produzione di acqua potabile e il trattamento delle acque reflue. Nei mesi scorsi l'inchiesta portò' al sequestro di 19 milioni di euro che sarebbero stati indebitamente percepiti.
    Le indagini sono state condotte dalla Guardia di Finanza dopo la denuncia della Banca europea degli investimenti. Al centro degli accertamenti dei pm Gery Ferrara e Amelia Luise il prestito agevolato nell'ambito del Fondo europea per gli investimenti strategici, con garanzia concessa dall'Unione europea, per la realizzazione di un programma nel settore del trattamento delle acque.
    Secondo gli investigatori per impedire alla Banca europea per gli investimenti di accertare che ricorressero le condizioni per l' ottenimento del finanziamento i manager della società avrebbero dolosamente omesso di comunicare la commissione, tra il 2017 e il 2020, di gravi e reiterate violazioni, anche di rilevanza penale, in materia ambientale, sfociate in un'ordinanza di commissariamento giudiziale disposta nel 2021 dal gip del Tribunale di Palermo. Il processo comincerà il 3 giugno davanti alla terza sezione del tribunale di Palermo.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza