Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Tanti studenti a marcia antimafia e convegno a Bagheria

Tanti studenti a marcia antimafia e convegno a Bagheria

L'iniziativa del Centro Pio La Torre giunta alle 41/a edizione

PALERMO, 26 febbraio 2024, 17:37

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La 41esima edizione della "Marcia Antimafia Bagheria Casteldaccia" quest'anno si è celebrata con toni più sommessi ma solo dal punto di vista del percorso, ridotto a causa della momentanea inagibilità della provinciale SP88 Bagheria Casteldaccia. In tanti, principalmente studenti, giovani, ma anche movimenti e rappresentanti istituzionali come il primo cittadino di Casteldaccia, si sono dati convegno a Piazza Matrice per poi raggiungere tutti insieme, l'auditorium Pio La Torre dove si è svolto un convegno sulla legalità che ha avuto come protagonisti proprio i più giovani, che hanno fatto numerose domande.
    "Come sempre abbiamo vissuto un'esperienza totalizzante - afferma Vito Lo Monaco, presidente emerito del Centro Studi "Pio la Torre -. Ovviamente sono ancora piccoli e il confronto ha dovuto valutare anche questo aspetto, ma devo dire che la maggior parte di loro ci ha chiesto di capire che cosa è stata e cos'è ancora oggi la mafia. Decisi a combatterla perché desiderano che la loro vita sia libera da qualsivoglia tipo di prevaricazione e violenza".
    Già con il "Progetto educativo antimafia", quest'anno alla sua 18esima edizione, lo stesso Centro "Pio la Torre" sensibilizza su questi temi i più giovani, speranza per un futuro nel quale le mafie non possano e non debbano trovare posto. "A turno le risposte anche da parte dei dirigenti scolastici, di padre Cosimo Scordato e dei rappresentanti delle Forze dell'Ordine del territorio - si legge in una nota del Centro Pio la Torre - hanno dimostrato cosa vuol dire costruire tutti insieme una comunità nella quale i principi di legalità e giustizia siano sempre presenti e condivisi".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza