Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Corrao, 'fermare degrado nella riserva dello Stagnone'

Corrao, 'fermare degrado nella riserva dello Stagnone'

interrogazione a Strasburgo

MARSALA, 31 gennaio 2024, 09:14

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Bisogna fermare il degrado della Riserva naturale Isole dello Stagnone di Marsala. La Commissione Ue si assicuri del rispetto dei siti protetti". A chiederlo è l'eurodeputato alcamese Ignazio Corrao che ha presentato un'interrogazione al parlamento di Strasburgo.
    "In questi anni - afferma Corrao - l'area protetta 'Isole dello Stagnone' situata sul litorale marsalese ha subito un degrado sconcertante e oggi è evidentemente sotto attacco.
    Nonostante la presenza dei preziosi siti Natura 2000, sul territorio della riserva si è fatto di tutto e di più, tra abusi edilizi e abbandono di rifiuti, incendi dolosi e attività incontrollate. L'equilibrio delicato della riserva è a rischio, per questo ho accolto il grido d'allarme di Legambiente e ho chiesto alla Commissione Ue di occuparsi urgentemente della questione". Ente gestore della riserva è il Libero Consorzio comunale di Trapani (ex Provincia) che "in questi anni - lamentq l'eurodeputato - non ha assicurato i requisiti minimi di un'area protetta, come un comitato scientifico, sentieri naturalistici, vigilanza e interventi di tutela della biodiversità della laguna. Inoltre avrebbe permesso il via libera a molte attività, che sarebbero vietate dallo stesso regolamento dell'area protetta. In più, l'impatto importante delle innumerevoli attività di kite surf sul fragile patrimonio naturalistico, secondo le segnalazioni ricevute da Legambiente non sarebbero mai state prese in considerazione nell'organizzazione di eventi sportivi e attività".
    "Per questi motivi - conclude Corrao - ho ritenuto urgente coinvolgere la Commissione Europea, a cui ho chiesto di ottenere chiarimenti sullo stato di salute del sito naturalistico e valutare l'assenza di valutazioni ambientali. Lo stato di degrado delle aree naturali protetta in Sicilia è diventato un'emergenza. Mi metto a disposizione dell'assessorato regionale competente per trovare una soluzione alle troppe situazioni di criticità ambientale in tutta l'isola".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza