Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Sei donna devi stare a casa a pulire', marito condannato

'Sei donna devi stare a casa a pulire', marito condannato

Tre anni e sei mesi a ragazzo di 25 anni, la vittima ne ha 19

AGRIGENTO, 09 dicembre 2023, 18:21

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Segregata in casa, chiusa a chiave e impossibilitata ad uscire. Quando il marito era fuori, la giovane di Palma di Montechiaro, nell'Agrigentino, incinta, sarebbe stata sorvegliata dalle cognate.

"Non sai fare la donna di casa. Tu sei donna e devi solo stare a casa a pulire e cucinare" diceva il marito venticinquenne alla moglie di 19 anni. I giudici della prima sezione penale del tribunale di Agrigento, presieduta da Alfonso Malato, lo hanno condannato a tre anni e sei mesi di reclusione. L'uomo è stato riconosciuto colpevole di maltrattamenti e sequestro di persona. Difeso dall'avvocato Santo Lucia, l'imputato dovrà risarcire con 15mila euro la ragazza che si è costituita parte civile nel processo, con l'assistenza dell'avvocato Gianluca Sprio. I fatti sono avvenuti tra febbraio e settembre del 2021, periodo in cui la giovane era in gravidanza.

La ragazza sarebbe stata picchiata e offesa ripetutamente: "I tuoi genitori sono zingari, tu sei diventata 'signora' solo grazie a me". Accuse e mortificazioni che il marito giustificava per la scarsa efficienza della moglie nei lavori domestici. Stando a quanto è emerso durante il processo, nel febbraio 2021, dopo avere fatto il test di gravidanza e scoperto di aspettare un bambino, la ragazza sarebbe stata picchiata per costringerla a non raccontare a nessuno che era incinta. E poi, ancora terrorizzata dall'uomo, anche attraverso messaggi whatsapp, che la minacciava di sottrarle la bambina qualora non avesse obbedito ai suoi ordini.

La 19enne, a un certo punto, ha trovato il coraggio di denunciare vessazioni, offese, minacce, maltrattamenti e ha raccontato di essere stata segregata in casa. 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza