Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Le bombe e i rifugi, Palermo ricorda le ferite del 1943

Le bombe e i rifugi, Palermo ricorda le ferite del 1943

Una mostra ripercorre la guerra e il ritorno alla vita

PALERMO, 27 aprile 2023, 12:02

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Le devastazioni dei bombardamenti, i ricoveri che accoglievano la popolazione atterrita, l'arrivo delle truppe americane, la ripresa della vita quotidiana.
    Palermo ricorda il 1943 con una mostra e varie iniziative che scandiscono i momenti salienti di una pagina storica cruciale.
    Proprio l'operazione Husky, come venne chiamata, segnò una svolta decisiva nel confronto militare della seconda guerra mondiale La mostra, curata da Attilio Albergoni, sarà inaugurata nella sede dell'archivio storico comunale il 9 maggio (resterà aperta fino al 9 settembre). La scelta della data non è casuale: quel giorno di 80 anni fa Palermo subì uno dei più terrificanti bombardamenti della seconda guerra mondiale. Precedette di due mesi lo sbarco degli Alleati il 10 luglio 1943 che il 22 luglio entrarono in una città praticamente distrutta. La mostra, promossa dall'assessorato comunale alla cultura guidato da Giampiero Cannella, ripercorre gli anni della guerra con gli sfollamenti, i raid aerei, le difficoltà alimentari, le ferite al patrimonio culturale che venne in buona parte salvato e recuperato dal Soprintendente del tempo, Mario Guiotto, e da Mason Hammond dell'Amgot che coordinò a Palermo l'operazione "Fine Arts and Monuments".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza