Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Mafia: c'è fratello pentito Geraci in pizzini Messina Denaro

Mafia: c'è fratello pentito Geraci in pizzini Messina Denaro

Scoperta vera identità di "Malato"

PALERMO, 09 marzo 2023, 15:54

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

E' Andrea Geraci, fratello di Francesco, gioielliere che custodì l'oro di Totò Riina, amico d'infanzia e complice di Matteo Messina Denaro poi passato tra i ranghi dei pentiti, l'uomo che il capomafia di Castelvetrano indica con lo pseudonimo di "Malato" in diversi pizzini sequestrati dai carabinieri.
    Un patteggiamento per intestazione fittizia di beni e un accenno di collaborazione con la giustizia, Andrea Geraci, come emerge dalle indagini, non ha mai reciso i suoi legami con il boss catturato dopo 30 anni di latitanza. Nonostante il tradimento del fratello pentito, che ha rivelato ai magistrati molti segreti del capomafia, Geraci sarebbe dunque rimasto tra i fedelissimi del boss.
    In uno dei biglietti venuti fuori dall'asse da stiro nella casa di Castelvetrano della sorella del padrino, Rosalia Messina Denaro, "oltre al saldo provvisorio della cassa e alle solite uscite (ben 12400 euro mensili) - scrive il gip che ha arrestato la donna - vengono annotate anche alcune entrate pari a 2500 euro in una occasione e 4000 in un'altra. Denaro consegnatole da un soggetto il cui nome in codice era Malato".
    Uno dei tanti nickname usati dal boss e dalla sorella (che nei messaggi si chiamava Fragolone), "identificato dagli investigatori appunto in Andrea Geraci", precisa il giudice.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza