Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Fattoria migranti Catania produrrà ortaggi,stop a caporalato

Fattoria migranti Catania produrrà ortaggi,stop a caporalato

Coop Afrisicilia, vendita a mercati Campagna amica di Coldiretti

CATANIA, 28 febbraio 2023, 19:10

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Si chiama Afrisicilia e commercializzerà ortaggi, la cui distribuzione comincerà a Catania nei mercati Campagna amica di Coldiretti. È una nuova cooperativa costituita a Catania da migranti protagonisti del progetto 'Percorsi individualizzati di uscita dallo sfruttamento', cofinanziato dal ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, nato per contrastare il lavoro nero e la discriminazione in Sicilia.
    "L'orto sociale che è stato realizzato - ha detto la dirigente dell'ex ufficio speciale Immigrazione dell'assessorato regionale al Lavoro e alla Famiglia Michela Bongiorno - dimostra che si può uscire fuori dalla logica di sfruttamento lavorativo con un affrancamento totale dal caporalato, creando attività autonome.
    Questa prima start-up catanese è un segnale di speranza, crea un precedente positivo anche per tutti coloro che ogni giorno arrivano nel nostro Paese in condizioni di fragilità e che difficilmente riescono a trovare una collocazione lavorativa legale. Come istituzione ci stiamo impegnando a contrastare il caporalato supportando i migranti protagonisti" I migranti hanno acquisito le tecniche agrarie e nuove consapevolezze sui diritti del lavoro, sulle normative del settore ortofrutticolo, sulla gestione dei budget che saranno tenuti ad amministrare. La farm, presieduta da Diao Diallo, si sviluppa in mezzo ettaro di orto tra il litorale della Plaia e la zona industriale di Catania: i campi sono già coltivati e sono previsti i raccolti di lattughe, broccoli, sedano, cavoli, piselli, fave, patate; ma saranno recuperate anche le serre, che al momento sono in stato di abbandono, dove saranno seminate nuove coltivazioni.
    "Lavoravo a Grammichele - dice Diallo Diao - era molto complicato, non avevo contratto. Sono orgoglioso: i miei colleghi hanno scelto me come presidente, ma siamo consapevoli che è l'unione che fa la forza".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza