Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Mille vigilanti in corteo a Palermo per rinnovo contratto

Mille vigilanti in corteo a Palermo per rinnovo contratto

Sindacati, stipendi fermi da anni e tanti rischi

PALERMO, 27 febbraio 2023, 18:05

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Oltre mille addetti della vigilanza privata da tutta l'Isola hanno manifestato oggi a Palermo per sensibilizzare le istituzioni sulla necessità di rinnovare il loro contratto collettivo scaduto da otto anni. La protesta è stata promossa da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil che hanno aperto il corteo partito da piazza Croci e diretto alla Prefettura, dove hanno consegnato un documento agli uffici territoriali del governo per chiedere un sostegno nella vertenza.
    "Manifestiamo contro un contratto che non si rinnova da otto anni - dicono Giuseppe Aiello, Giusi Sferruzza e Marianna Flauto rispettivamente di Filcams Sicilia, Fisascat Sicilia e Uiltucs Sicilia - questo significa stipendi fermi da anni e una situazione drammatica per le famiglie, anche a causa del carovita e dell'inflazione. Parliamo di lavoratori che in certi casi non arrivano a mille euro al mese ma svolgono attività molto delicate a salvaguardia di beni e persone in siti sensibili, e che spesso si sostituiscono alla forza pubblica.
    Sono impiegati presso banche, porti, aeroporti, pronto soccorso.
    Chiediamo al governo nazionale e in questo caso al prefetto di intervenire anche sulle associazioni datoriali affinché si proceda subito con il rinnovo del contratto. Questi lavoratori pagano un gap di oltre 450 euro con gli altri lavoratori del terziario e ricordiamo che sono stati tra le figure professionali che durante la pandemia hanno lavorato in prima linea, mettendo a rischio la propria vita per garantire un servizio fondamentale per tutta la collettività".
    Nel documento consegnato in Prefettura tra l'altro si legge: "Al mancato rinnovo contrattuale, si aggiunga l'annosa questione degli appalti e dell'aggiudicazione delle gare al massimo ribasso che consente, soprattutto alle imprese pubbliche, di dare in appalto servizi importanti come quello della vigilanza e della sicurezza a tariffe molto basse che pregiudicano diritti e tutele degli addetti ivi impiegati".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza