Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Mafia, una love story fa scoprire l'assassino del boss

Mafia, una love story fa scoprire l'assassino del boss

Figlio del capomafia ucciso fidanzato con la nipote del killer

PALERMO, 28 febbraio 2023, 11:13

Redazione ANSA

ANSACheck

Inquirenti accanto al corpo senza vita di Giuseppe Di Giacomo, Palermo - RIPRODUZIONE RISERVATA

Inquirenti accanto al corpo senza vita di Giuseppe Di Giacomo, Palermo - RIPRODUZIONE RISERVATA
Inquirenti accanto al corpo senza vita di Giuseppe Di Giacomo, Palermo - RIPRODUZIONE RISERVATA

   Da bambino ha assistito alla morte del padre, il boss Giuseppe Di Giacomo, assassinato a Palermo, in pieno giorno nove anni fa. Agli investigatori ha raccontato l'agguato e descritto sommariamente l'autore, che sparò all'impazzata col volto coperto da un casco. Crescendo, si è fidanzato prima con la figlia del killer, poi con la nipote. Relazioni pericolose che i familiari dell'assassino hanno cercato di ostacolare in tutti i modi. E che, alla fine, sono state la chiave che ha consentito ai carabinieri di risolvere il giallo dell'omicidio.

    Arriva da una intercettazione infatti la svolta nel caso Di Giacomo. Parla Salvatore Lipari. E tenta di spiegare alla moglie perchè la relazione della nipote col figlio di Di Giacomo lo preoccupa. La donna non capisce e lui a un certo punto sbotta. "U capisti ca ammazzò Tony" (l'hai capito che lo uccise Tony ndr), dice riferendosi alla morte del boss. Tony è suo fratello e oggi è stato arrestato per omicidio.
    Le parole di Salvatore trovano conferma in un'altra intercettazione. A discutere stavolta è il padre Emanuele. "Cosa gli dico io a quella ragazza? Mi sto andando a buttare in un campo minato perchè qualsiasi cosa dico per lasciarlo mi spavento se questa glielo racconta", spiega riferendosi alla nipote e non sapendo di essere "ascoltato" dai carabinieri.

    La famiglia Lipari dunque sa che il ragazzo conosce l'identità del killer del padre e teme che possa usare le sue relazioni, prima quella con la figlia dell'assassino, poi quella con la nipote, per cercare di vendicare la morte del boss. "I soggetti intercettati - scrivono i pm che hanno coordinato l'indagine - ipotizzavano che il ragazzo stesse perseguendo uno scopo non dichiarato e che stesse agendo per ritorsione".
    Per gli investigatori è la prova decisiva del ruolo di Tony Lipari. Nei suoi confronti l'accusa è di omicidio aggravato. Agì per conto del capomafia Tommaso Lo Presti che vedeva in Di Giacomo una minaccia. Entrambi si contendevano guida e affari del mandamento di Porta nuova.

    Anche per lo Presti, già detenuto, la Procura ha chiesto l'arresto, ma la misura non è stata concessa dal gip. Torna in cella invece Lipari che da qualche settimana era stato scarcerato. A suo carico anche le dichiarazioni del pentito Alessio Puccio, "soldato" del mandamento di Porta Nuova che ha raccontato agli investigatori di aver saputo da un altro uomo d'onore, Fabio Pispicia che il delitto era stato voluto da Lo Presti ed eseguito da Lipari.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza