Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Traffico illecito di rifiuti: 4 arresti nel Nisseno

Traffico illecito di rifiuti: 4 arresti nel Nisseno

Sequestrate due discariche abusive a Sommatino e Delia

CALTANISSETTA, 18 febbraio 2023, 08:47

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

I carabinieri di Caltanissetta hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari per quattro persone residenti a Sommatino e Delia indagati per il reato di associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti. L'attività di indagine iniziata nel 2021, con il coordinamento della Procura di Caltanissetta, ha consentito di individuare una attività organizzata di raccolta e stoccaggio di un ingente quantità di rifiuti di diverso genere in un'area di circa 3000 metri quadri nel Comune di Sommatino e nel Comune di Delia. I due siti, che sono stati sequestrati, sarebbero stati trasformati in depositi non autorizzati per lo smaltimento. Gli investigatori hanno analizzato la modalità di raccolta di consistenti rifiuti urbani, rifiuti speciali, rifiuti urbani pericolosi, tra cui arredamenti, elettrodomestici e autovetture destinate alla rottamazione, che quotidianamente gli interessati ritiravano o ricevevano da privati e aziende insistenti sul territorio. Nelle aree interessate, gli indagati avrebbero poi posto in essere una vera e propria attività di selezione, per individuare quali materiali destinare alla successiva commercializzazione ad altre ditte e quali, invece, accantonare definitivamente nel sito, provvedendo, talvolta, al loro smaltimento mediante combustione, causando il rilascio nell'atmosfera di fumi potenzialmente tossici per la salute. Il tutto in assenza dei prescritti titoli autorizzativi.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza