Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Fonico teatro a Palermo assunto dopo 16 anni di ricorsi

Fonico teatro a Palermo assunto dopo 16 anni di ricorsi

Cgil, ha ottenuto il riconoscimento del suo posto di lavoro

PALERMO, 24 gennaio 2023, 14:44

Redazione ANSA

ANSACheck

Dopo una battaglia legale durata quasi 16 anni, un lavoratore del Teatro Biondo è riuscito a ottenere il riconoscimento del suo posto di lavoro con un contratto a tempo indeterminato. Lo sostiene in una nota la Cgil.
    "Mauro Fontana, 46 anni, fonico, aveva lavorato in teatro con contratti a tempo determinato, prorogati di volta in volta, maturando il diritto all'assunzione. Ma - prosegue il sindacato - la stabilizzazione non era arrivata. La sua prima assunzione a tempo determinato alle dipendenze del teatro Biondo risale al 2006. Quella in pianta stabile è arrivata adesso, 16 anni dopo, e a seguito di una complessa vicenda giudiziaria. Il lavoratore, iscritto alla Slc Cgil Palermo, per chiedere di essere stabilizzato aveva deciso di presentare anche lui, come altri, ricorso. Ma in primo e secondo grado aveva perso. La battaglia sembrava quasi perduta. Ma l'avvocato Pietro Vizzini, il legale del sindacato che gli ha fornito l'assistenza, ravvisando dei vizi di forma nelle precedenti interpretazioni dei giudici, ha deciso di proseguire in terzo grado, con il ricorso in Cassazione. La Suprema Corte ha dichiarato illegittimo il contratto a tempo determinato e ha rinviato il procedimento alla Corte di Appello di Palermo, sezione Lavoro.
    La Corte di Appella, presieduta dal giudice Maria G. Di Marco, il 19 gennaio ha emesso il verdetto che ha ribaltato i precedenti.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza