Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Usura: Dia confisca beni per 4 mln a imprenditore di Enna

Usura: Dia confisca beni per 4 mln a imprenditore di Enna

Accusato anche di avere rete complicità con criminalità locale

ENNA, 19 gennaio 2023, 08:21

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Beni per 4 milioni di euro sono stati confiscati dalla Direzione investigativa antimafia a un imprenditore di Enna condannato con sentenza definitiva per usura. Il provvedimento è stato emesso dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Caltanissetta e fa seguito al sequestro eseguito nel 2019, su proposta del direttore della Dia. Dalle indagini della Direzione investigativa antimafia, avviate nel 2010, sarebbero emersi i reati di usura dell'imprenditore e la fitta rete di complicità di cui godeva nell'ambito della criminalità ennese. Fatti per cui nel 2017 è stato condannato in primo grado, con sentenza divenuta definitiva nel 2022 dopo la pronuncia della Corte di Cassazione.
    Il provvedimento di confisca, il cui valore complessivo è stimato in circa 4 milioni di euro, ha interessato l'intero capitale sociale e rilevanti quote di partecipazioni in diverse società. Tra queste: un bar-ristorante situato all'interno del centro commerciale outlet di Agira, imprese operanti nei settori dell'estrazione di inerti, della produzione di calcestruzzo, della costruzione di edifici residenziali, del commercio di apparecchiature telefoniche, della gestione di sale giochi e della ristorazione. La confisca riguarda anche 14 beni immobili, tra i quali spiccano una villa con piscina a Nissoria e diversi terreni nell'area commerciale di Catania, nonché numerosi rapporti bancari e polizze assicurative.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza