Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sicilia
  1. ANSA.it
  2. Sicilia
  3. Cani avvelenati, esposti a Procure Trapani e Caltanissetta

Cani avvelenati, esposti a Procure Trapani e Caltanissetta

Per Aidaa agisce organizzazione, 3mila casi da inizio anno

(ANSA) - PALERMO, 18 APR - L'associazione italiana difesa animali e ambiente annuncia che domattina invierà due esposti alle Procure di Trapani e Caltanissetta per casi di avvelenamento di cani: l'ultimo episodio a Partanna, nel trapanese. "Pur apprezzando la immediata denuncia del sindaco di Partanna - scrivono gli animalisti di Aidaa - occorre andare a fondo alla questione degli avvelenamenti e per questo oltre all'esposto abbiamo deciso di istituire una taglia di 5.000 euro sulla testa del responsabile degli avvelenamenti, anche se crediamo che non sia una sola persona ma possa esserci dietro una organizzazione che si occupa di avvelenare cani a livello regionale". Da qui il secondo esposto alla procura di Caltanissetta che riguarda in questo caso una serie di avvelenamenti diffusi nei piccoli comuni del nisseno. "Qui esistono testimonianze che parlano senza dubbio di presenza di una organizzazione territoriale con lo scopo di usare il veleno per uccidere i cani in piccoli gruppi in modo che non si attiri troppo l'attenzione. Una strategia diversa rispetto ad esempio da quella applicata negli scorsi anni a Sciacca - scrive l'associazione Aidaa - che attirò l'attenzione dei media nazionali, invece con avvelenamenti di piccoli gruppi si da' meno nell'occhio, ma la possibile presenza di un organizzazione che si muove sul territorio di diverse provincie nell'isola non è da escludere anzi per capirne di più basterebbero esami approfonditi sui prodotti usati per avvelenare i cani". In Sicilia da inizio anno sono stati avvelenati oltre 3.000 cani nella stragrande maggioranza randagi. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere


      Modifica consenso Cookie