Sicilia

Pizzo, parte civile una vittima su 23

Processo al clan Brancaccio. Legali, siamo all'anno zero

(ANSA) - PALERMO, 28 GIU - Solo una su 23 vittime del racket della cosca mafiosa di Brancaccio si è costituita parte civile all'udienza preliminare a boss ed estorsori in corso davanti al gup di Palermo Guglielmo Nicastro. Di "ritorno all'anno zero" nella reazione della società al racket parlano gli avvocati Ugo Forello e Valerio D'Antoni che difendono il solo commerciante che ha scelto di partecipare al processo. "Le azioni delle associazioni antiracket - dicono - hanno dimostrato che ci si può opporre". Ma evidentemente la strada da fare è ancora lunga.
    Il processo nasce da un'inchiesta delle Fiamme gialle che portò in cella 34 persone tra cui il capomafia Piero Tagliavia.
    L'inchiesta ricostruì decine di estorsioni perpetrate ai danni sia di imprese edili impegnate in importanti lavori di ristrutturazione, sia di piccole attività commerciali storicamente attive nel territorio. Tagliavia gestiva anche il gioco del lotto abusivo nel suo mandamento. Ma aveva anche il controllo delle attività degli ambulanti.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere



Modifica consenso Cookie