Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Fanghi rossi scarti di miniere invadono spiaggia di Piscinas

Fanghi rossi scarti di miniere invadono spiaggia di Piscinas

Wwf: 'perché non sono state fatte le bonifiche nel Sulcis?'

CAGLIARI, 23 marzo 2024, 17:58

Redazione ANSA

ANSACheck

Fanghi rossi scarti di miniere invadono spiaggia di Piscinas - RIPRODUZIONE RISERVATA

Un fiume di fanghi rossi, provenienti dalle gallerie minerarie dismesse del Sulcis Iglesiente, ha invaso nei giorni scorsi la spiaggia di Piscinas, sulla costa sud occidentale della Sardegna, nota per le sue grandi dune e il mare cristallino.
    Il video, girato da un residente, sta facendo il giro dei social e testimonia - come denunciano gli ambientalisti - un vero e proprio disastro ambientale. Un fiume in piena di acqua rossa carico di metalli pesanti, nocivi e velenosi.
    "Non è una sorpresa il fiume rosso degli scarti delle miniere nel mare di Arbus- sottolinea in una nota il Wwf - piuttosto è sorprendente che un problema del genere diventi degno di attenzione solo quando l'impatto è non solo evidente, ma denuncia tutta la sua gravità. Cosa si è fatto e si sta facendo per risolvere una situazione che è molto più seria di quanto già il colore delle acque del rio che sfocia in mare preannuncia? Perché non si è ancora bonificato il materiale presente nel sistema di miniere e cave, perché non si è fatta un'azione di prevenzione, perché nessuno ha vigilato? Al di là dello sconcerto e della preoccupazione, riteniamo che sia il tempo di agire. Anche perché l'evento a cui stiamo assistendo sembra più grave del solito".
    Preoccupazione è stata espressa dal sindaco di Arbus, Paolo Salis. "Triste destino - ha detto al quotidiano L'Unione Sarda - ogni anno la stagione turistica viene macchiata da fatti che fanno male al nostro territorio. Sorvoliamo sulle riprese video di una piaga storica del territorio, ovvero l'inquinamento della spiaggia dai minerali delle vecchie miniere, vergognoso farlo girare sui social, una pubblicità negativa che scoraggia i turisti. Quel fiume non arriva tutto dai pozzi minerari. La maggior parte proviene dalla vicina diga Donegani, da dove volutamente è stata fatta uscire dalla valvola di sfogo sul fondo della struttura, nel rispetto delle regole del Genio civile che impone il mantenimento di un certo livello dell'invaso".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza