Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Altolà Todde, 'stop alle 200 delibere della giunta Solinas'

Altolà Todde, 'stop alle 200 delibere della giunta Solinas'

Neo governatrice Sardegna, 'non sono neanche consultabili'

CAGLIARI, 02 marzo 2024, 11:58

Redazione ANSA

ANSACheck
Combo Todde-Solinas -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Combo Todde-Solinas - RIPRODUZIONE RISERVATA

Combo Todde-Solinas - RIPRODUZIONE RISERVATA

"Richiamo il Presidente Christian Solinas al doveroso rispetto istituzionale: lui e la sua giunta sospendano immediatamente le delibere inopportunamente adottate e si limitino all'ordinaria amministrazione. Lo avevo già denunciato nei giorni scorsi e sono obbligata a farlo nuovamente". Così la neo governatrice sarda, Alessandra Todde, in merito ai provvedimenti adottati dalla giunta regionale uscente pochi giorni prima delle elezioni.

"Nelle ultime ore di campagna elettorale la giunta Solinas si è riunita tre volte e ha adottato oltre 200 nuove delibere. Molte di queste, ad una settimana dalla loro approvazione, non sono neanche visibili dai cittadini sardi che vengono appositamente tenuti all'oscuro. Sono riuscita a leggere, grazie anche agli organi di stampa, cosa hanno inserito all'interno di questa infornata di provvedimenti dell'ultimo minuto: nomine, proroghe di incarichi, piani e programmi che impegnano l'amministrazione per i prossimi anni".

"Hanno addirittura dato il via libera a una programmazione del fondo di coesione per oltre 2 miliardi di euro. Credo che sia estremamente scorretto che una giunta uscente, scaduta e sconfitta - attacca Todde - possa definire tutto ciò senza vergogna e senza rispetto dei cittadini e delle cittadine. La maggior parte di questi atti non è urgente e non è legata ad adempimenti di legge. È gravissimo che una giunta uscente, che dovrebbe attenersi agli atti di ordinaria amministrazione, decida di fare tutto ciò senza che nessuno possa fare niente. Solinas ha avuto cinque anni per programmare e investire le risorse che aveva a disposizione e siamo tutti consapevoli di come è andata a finire. Non appena saremo ufficialmente operativi, in attesa dei tempi di legge e delle prassi amministrative, controlleremo tutto ciò che è stato fatto all'oscuro e sulle spalle dei sardi in queste ultime ore", conclude Alessandra Todde.

LA REPLICA AL VETRIOLO DI SOLINAS - "Se vuole proprio parlare di richiami, salendo in cattedra, inviterei Alessandra Todde in primo luogo a documentarsi meglio prima di lanciare i suoi strali. Infatti, il centrosinistra nella scorsa legislatura con la Giunta Pigliaru non si limitò a deliberare 147 volte in due sedute precedenti alle elezioni del 24 febbraio 2019, ma si riunì addirittura dopo il voto e una sonora sconfitta per altre due volte, il 5 e il 14 marzo, adottando ben 63 deliberazioni per un totale di 210 atti!". Così il presidente della Regione Sardegna uscente, Christian Solinas, replica alle dichiarazioni della neo governatrice che ha accusato la giunta uscente di aver adottato oltre 200 delibere pochi giorni prima delle elezioni.

"Nessuno si stracciò le vesti - prosegue Solinas - occorrendo, però, potremmo farlo pure oggi e ricordare ogni singola delibera di allora. Sulla sconfitta della Giunta uscente la inviterei invece ad essere più prudente, non solo perché seppure verrà certificata la sua vittoria per qualche centinaio di voti sul candidato del centrodestra non deve dimenticare che il suo campo largo rappresenta nella realtà la minoranza dei sardi, distaccato come è di oltre 42.000 voti dal centrodestra. In una situazione di divaricazione così palese della società sarda sul voto, sarebbe più opportuna un pò più di umiltà e di prudenza nelle affermazioni. A breve potrà dimostrarci tutta la sua competenza e la sua bravura nel reperire, programmare e spendere in modo virtuoso le risorse del suo ciclo di programmazione. Buon lavoro!", conclude Solinas.

LA CONTRO REPLICA DELL'EX ASSESSORE ARRU, 'SOLINAS SBAGLIA' - "Nelle sedute del 5, 12, 19, 22 febbraio e 5 e 14 marzo 2019 la Giunta Pigliaru ha approvato, nella stragrande maggioranza, delibere di sola ordinaria amministrazione e, segnatamente, variazioni contabili delle poste di bilancio. Tutto questo è facilmente rilevabile sul sito istituzionale della Regione Sardegna". E' la replica dell'ex assessore della Sanità, Luigi Arru, al governatore uscente Christian Solinas, sulle delibere approvate cinque anni fa dall'allora giunta di centrosinistra per controbbattere alle accuse della neo presidente Alessandra Todde sulle "oltre 200 delibere approvate dalla giunta Solinas poco prima delle elezioni".
Arru parla di "scomposta e aggressiva uscita dell'ex Presidente Christian Solinas, nel replicare alle giuste rimostranze della neo Presidente Todde".
"Solo due delibere, entrambe del 12 febbraio, riguardano nomine - precisa l'ex esponente della giunta Pigliaru - una per sostituire il direttore generale dimissionario dei Lavori pubblici, con scadenza prevista al 30 giugno 2019 in concomitanza con gli altri dg, in modo da non impegnare la subentrante Giunta Solinas (che peraltro lo ha poi confermato per ben tre volte, nel corso della sua legislatura) e l'altra riguarda la nomina dei componenti tecnici, senza diritto di voto, del Comitato tecnico regionale delle opere pubbliche.
Insomma ben altra cosa - osserva Arru - rispetto alle nomine poste in essere dalla Giunta Solinas due giorni prima delle elezioni. Il tentativo di coprire l'ennesimo scivolone istituzionale con polemiche vuote e pretestuose deve essere respinto con fermezza. Piuttosto c'è da augurarsi che l'ex Presidente Solinas sia in grado di assicurare un ordinato e corretto passaggio di consegne alla Presidente Todde, analogo, se non in qualità almeno in quantità, a quello che gli garantì Francesco Pigliaru nel marzo del 2019". 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza