Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

E-distribuzione, sciopero e sit-in di Ugl chimici a Olbia

E-distribuzione, sciopero e sit-in di Ugl chimici a Olbia

'Mancati investimenti provocano disservizi alle imprese sarde'

OLBIA, 23 febbraio 2024, 14:27

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Mancati investimenti nella rete elettrica regionale, impianti vetusti, pensionamenti ai quali non seguono nuove e necessarie assunzioni di personale": sono alcune delle criticità lamentate dai lavoratori di E-distribuzione, azienda del Gruppo Enel, e supportate dal sindacato Ugl Chimici-Energia.
    Una nutrita delegazione di lavoratori ha scioperato e manifestato stamattina davanti alla sede Enel di viale Aldo Moro a Olbia, in concomitanza con le protesta nelle altri sedi sparse nell'isola e in Italia. "Si tratta di una vertenza regionale che riguarda i mancati investimenti fatti dall'azienda e che provocano disservizi alle imprese sarde e galluresi e ai cittadini - spiega Franco Perna segretario regionale Ugl Chimici-Energia -. I nostri impianti sono datati e i nostri lavoratori devono cercare di riparli per garantire un servizio alle persone, ma non si può reggere un servizio elettrico regionale con la sola buona volontà delle persone e dei lavoratori".
    Operatori che oggi chiedono maggiori tutele e garanzie di sicurezza sul lavoro durante i turni di reperibilità, il contenimento del numero di ore di straordinario richiesto che annullano gli spazi tra vita e lavoro e un miglioramento del clima del lavoro ritenuto "tossico" a causa di prese di posizione dell'azienda definite "incomprensibili".
    "Non stiamo chiedendo soldi o aumenti di stipendio - continua Perna - chiediamo di migliorare le condizioni di lavoro; molti giovani appena assunti si stanno licenziando proprio per l'impossibilità a sostenere certi turni".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza