Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il film di Pau sul rogo del Montiferru premiato al Muse

Il film di Pau sul rogo del Montiferru premiato al Muse

All'opera del regista cagliaritano il premio Antropocene

CAGLIARI, 08 maggio 2023, 18:47

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il film "L'ombra del fuoco" di Enrico Pau, il racconto della distruzione del Montiferru divorato da un incendio gigantesco nel luglio 2021 ma anche della sua rinascita, ha ottenuto il premio Antropocene assegnato dal Museo della Scienza di Trento (Muse) nell'ambito del Trento Film Festival. Secondo la giuria del concorso, l'opera del regista cagliaritano è quella che "meglio racconta il rapporto tra l'umanità e il resto del mondo naturale nell'epoca dell'Antropocene".

"L'ombra del fuoco - si legge nella motivazione - sottolinea il forte legame dell'umanità con la terra e gli altri viventi che la popolano. Emergono i sentimenti non solo di chi quella terra la cura, ma anche degli animali e delle piante che hanno subito il dramma dell'incendio. La fine di quel paesaggio locale, stravolto dal fuoco, rimanda alla fine del mondo nel senso della fine del conosciuto, del familiare, come accade globalmente nell'Antropocene".

L'opera è prodotta da Lucrezia Degortes per l'associazione culturale Arvèschida, co-produttore l'Isre, produttori associati Antioco Floris per l'Università degli Studi di Cagliari e Hortus Botanicus Karalitanus, e si avvale della consulenza scientifica di Gianluigi Bacchetta. Gli autori dei testi sono Enrico Pau, Ettore Cannas, Alberto Capitta, Alessandro De Roma, Mauro Tetti, mentre la traduzione dei testi in sardo e la voce narrante è di Giuseppe "Bosco" Falchi.

"Considero la realizzazione del mio documentario come un atto di resistenza a qualcosa alla quale non posso e non voglio rassegnarmi - afferma il regista - la stupidità, la miopia degli umani in questo momento della nostra presenza devastante su questo pianeta". Il film è un accurato diario di quanto è accaduto, tra le immagini e le interviste, i racconti e il pianto di chi in mezzo ai roghi ha perso tutto, compresa la memoria di un passato distrutto dal fuoco e che non può tornare.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza