Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Via Dettori chiusa, protesta di residenti e commercianti

Via Dettori chiusa, protesta di residenti e commercianti

Cagliari,"non sappiamo più dove andare a vivere,diteci qualcosa"

CAGLIARI, 29 aprile 2023, 13:20

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Residenti e commercianti sempre più arrabbiati: il tratto di via Dettori, quartiere Marina, Cagliari, dove hanno casa o attività è chiuso da oltre 110 giorni. E nessuno è in grado di indicare la data del possibile ritorno alla normalità.
    Gli abitanti, dopo l'evacuazione legata alla presenza di crepe negli stabili e al rischio crolli, continuano a vivere ospiti di familiari e amici. Qualcuno è finito in albergo. E un residente, un ambulante del Bangladesh, Samuel Amu, 44 anni, secondo piano, numero civico 39, è stato costretto a rimandare moglie e figli a casa. "Per due mesi - spiega nel corso di un incontro in strada con la stampa organizzato per denunciare la gravità della situazione - ho dormito nella moschea".
    Una coppia di cagliaritani, da quel 13 gennaio, gira con le valigie da un'abitazione di parenti all'altra in attesa di una chiamata per il ritorno a casa. Ma la chiamata - spiegano - non arriva mai. "Nessuno è in grado di indicarci - denuncia un altro residente, Samuele Russo - una data. Se devo prendere in affitto un appartamento qualcuno mi dica per quanto tempo. Nessuno si sta chiedendo come stanno vivendo i residenti in questo lungo periodo. E non vediamo all'orizzonte delle garanzie: non abbiamo notizia di tempi e risorse a disposizione. L'impressione è che manchi una cabina di regia".
    Buio pesto anche per le sette (ma una ha potuto riaprire) attività commerciali. Buffhouse ha dovuto licenziare cinque dipendenti: "Ho protestato anche con Google - spiega il gestore Francesco Alba - ora al posto della foto del locale c'è l'immagine del cantiere. Un danno di immagine, ma non solo. La Regione aveva garantito 500mila euro per le attività, ma nessuno ha visto un centesimo".
    Anche chi può lavorare si lamenta. Claudio Crisafi per alcuni metri è fuori dall'area chiusa: "Ma non è più la stessa cosa non c'è più il passaggio di prima: stiamo parlando di un tratto di strada che ogni giorno veniva attraversato da tantissime persone e da molti turisti. Anche le attività della zona stanno soffrendo. Bisogna accelerare i tempi per la riapertura".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza