Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

A Cagliari 7 stabili occupati abusivamente da emarginati

A Cagliari 7 stabili occupati abusivamente da emarginati

Ricognizione dopo incendio in edificio via Riva di Ponente

CAGLIARI, 10 marzo 2023, 11:04

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La Scuola Alagon nel quartiere di San Michele, l'ex Stallaggio Meloni di viale Trieste, la "casaccia" di viale Buoncammino, accessibile da quanti scavalcano ogni giorno un muro e che ad ogni accesso sono soliti usare una scala come quando nel medioevo si accedeva sulle torri". Sono solo alcune delle sette "tappe" del degrado, dell'esercito degli "emarginati", ora inserite nero su bianco in un elenco stilato dal consigliere comunale Marcello Polastri, spedito al prefetto di Cagliari, dopo l'incendio che ha devastato lo stabile in via Riva di Ponente - di proprietà della Regione - occupato abusivamente da una trentina di migranti.
    "Ma in città - sostiene Polastri - vivono altre persone che vanno aiutate umanamente, e ancor prima identificate come prevede la legge" spiega il consigliere. "Tutta la città sapeva che quei tetti sgangherati e pericolanti, divorato dalle fiamme, davano da più di un decennio quel minimo eventualmente apprezzabile dai periodici occupanti giunti per il tramite del mare e del vicino porto, con un proprio bagaglio di disperazione e miseria.
    Purtroppo - scrive - questa situazione non è isolata. Nel pensare al destino dello stabile che solo sulla carta fa parte del Demanio della Regione, chiederemo presto in sede di commissione comunale sicurezza e patrimonio la possibile cessione al Comune di detta proprietà per farne un qualcosa di utile alla città.
    Sono fiducioso che troveremo in tal senso la soluzione migliore magari per riconvertire quei terreni".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza