Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Bruciò vivo il rivale, a processo per omicidio premeditato

Bruciò vivo il rivale, a processo per omicidio premeditato

La Procura di Tempio contesta anche l'aggravante della crudeltà

TEMPIO PAUSANIA, 07 marzo 2023, 19:44

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Comparirà il 9 maggio prossimo davanti ai giudici della Corte d'assise di Sassari Davide Iannelli, il 48enne di origine napoletana che l'11 marzo del 2022 cosparse di benzina e diede fuoco al suo vicino di casa e rivale, Toni Cozzolino, 49 anni di Olbia. L'uomo, con ustioni sul 70 per cento del corpo, morì 10 giorni dopo il ricovero nel reparto di rianimazione dell'ospedale Santissima Annunziata di Sassari.

La gup del tribunale di Tempio Pausania Caterina Interlandi ha infatti deciso il rinvio a giudizio dell'imputato con l'accusa di omicidio premeditato aggravato dalla crudeltà. Gli avvocati difensori, Cristina e Abele Cherchi, si sono battuti per fare cadere la premeditazione, certi che Iannelli abbia agito per legittima difesa.

"Abbiamo sostenuto l'insussistenza delle aggravanti e chiesto il non luogo a procedere - conferma l'avvocato Cristina Cherchi - Il nostro assistito era a conoscenza della presenza di alcune telecamere installate proprio dalla Procura nel piazzale delle palazzine popolari, e da quelle immagini risulta chiaramente che la mattina del fatto a vedere Iannelli arrivare e a seguirlo fu Tony Cozzolino e non viceversa". "Inoltre - prosegue l'avvocata - Iannelli aveva sporto denuncia circa due mesi prima dell'omicidio contro un altro individuo che lo minacciava e lo aveva picchiato. Per cui riteniamo che se avesse voluto vendicarsi, Iannelli non lo avrebbe fatto nei confronti di Cozzolino ma bensì di questo terzo soggetto".

Iannelli è il compagno di Rosa Bechere, la donna scomparsa a Olbia da oltre due mesi di cui si sospetta una morte violenta: la Procura di Tempio ha indagato per questo una coppia olbiese con le accuse di omicidio, occultamento di cadavere, rapina e lesioni.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza