Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Abbandono incapace e truffa, psichiatra assolto in appello

Abbandono incapace e truffa, psichiatra assolto in appello

Parziale riforma dopo condanna in primo grado a Cagliari

CAGLIARI, 08 marzo 2023, 09:57

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Assolto per tutti i capi di imputazione contestati. Così la prima sezione penale della Corte d'appello di Cagliari, presieduta da Gemma Cucca, ha parzialmente riformato la condanna emessa in primo grado nei confronti di Enrico Loria, lo psichiatra della Asl cagliaritana - difeso dagli avvocati Carlo Murtas e Michele Capano - finito sotto processo per abbandono di persone incapaci, omissione di atti d'ufficio e truffa.

Il tribunale aveva condannato Loria a 3 anni e due mesi per i primi due reati, ma lo aveva assolto dalla truffa per una sola frazione temporale con la formula "il fatto non sussiste", che ora i giudici d'appello hanno cambiato in "particolare tenuità del fatto". All'epoca del processo di primo grado, nel 2021, l'accusa aveva contestato allo psichiatra di aver volontariamente trascurato i suoi pazienti del centro di salute mentale della Asl, sostituendo le terapie con delle sedute di preghiera collettiva. 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza