Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Anziano pestato e ucciso per rapina, a giudizio due fratelli

Anziano pestato e ucciso per rapina, a giudizio due fratelli

In abbreviato davanti gup Oristano il 12 maggio

ORISTANO, 28 febbraio 2023, 19:22

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Compariranno davanti al gup del tribunale di Oristano, Marco Mascia, il 12 maggio prossimo i fratelli Rubens e Brian Carta, di 32 e 28 anni, accusati dell'omicidio a scopo di rapina di Tonino Porcu, il 78enne allevatore in pensione pestato e ucciso nella sua abitazione a Ghilarza, la notte tra il 21 e il 22 febbraio 2022. I difensori dei due imputati, Agostinangelo Marras, Marco Spanu e Fabio Messina, hanno chiesto e ottenuto il rito abbreviato e hanno sollevato una eccezione di parziale inutilizzabilità degli atti su cui il gup si è riservato di decidere. Richiesta alla quale si sono opposti il pm Marco De Crescenzo e l'avvocato Luciano Rubattu, che tutela i parenti della vittima, oggi costituitisi parte civile.

Stando alla ricostruzione dell'accusa, i fratelli Carta erano entrati nell'abitazione dell'anziano sfondando una finestra. Dopo aver messo tutto a soqquadro, si erano impossessati di duemila euro nascosti in una scatola. Prima di fuggire, erano stati scoperti dal padrone di casa, che era stato brutalmente aggredito e picchiato a morte. Il corpo era stato trovato il giorno dopo dalla signora delle pulizie e dal nipote.

Nell'abitazione i carabinieri avevano trovato numerose tracce di sangue, poi repertate dagli esperti del Ris. Il cerchio delle indagini si era chiuso attorno ai due fratelli, che conoscevano bene le abitudini di Porcu: la vittima infatti era il proprietario delle mura del bar che gestiva Rubens Carta e gli imputati sapevano che in casa poteva custodire del denaro. Da qui la decisione di rapinarlo. La svolta era arrivata il 9 marzo 2022 - il giorno in cui Ghilarza chiedeva giustizia per Tonino Porcu con una fiaccolata - quando i due vennero arrestati. Rubens in quell'occasione ammise le proprie responsabilità.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza