Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

13enne uccisa dalla madre: fatali coltellate a organi vitali

13enne uccisa dalla madre: fatali coltellate a organi vitali

Autopsia esclude soffocamento. Lei si è difesa strenuamente

ORISTANO, 21 febbraio 2023, 19:30

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Oltre 30 fendenti inferti all'addome, alle braccia e alle mani con un coltellino a serramanico hanno provocato uno choc emoraggico che ha portato alla morte Chiara Carta, la 13enne di Silì, una frazione di Oristano, uccisa sabato scorso dalla madre, Monica Vinci, di 52 anni, poco prima che tentasse il suicidio lanciandosi dalla finestra della loro casa. E' questo l'esito dell'autopsia effettuata oggi all'ospedale San Martino di Oristano dal medico legale Roberto De Montis e durata 7 ore.

A provocare l'emorragia sono stati i colpi al ventre che hanno raggiunto gli organi vitali, mentre le coltellate alle braccia e alle mani sono il risultato dello strenuo tentativo della ragazza di difendersi. Esclusa invece la morte per soffocamento: il cavetto della batteria di un cellulare stretto intorno al collo sarebbe stato usato come una briglia per tenere ferma la giovanissima vittima. Il medico legale ha chiesto 90 giorni di tempo per l'esito degli esami istologici prima di consegnare la relazione al pm di Oristano, Valerio Bagattini, che coordina le indagini.

Il corpo di Chiara è stato restituito al padre, Piero Carta, agente della Polizia locale di Oristano. I funerali sono stati fissati per giovedì nella chiesa parrocchiale di Silì. Monica Vinci è attualmente piantonata all'ospedale San Martino di Oristano, trasferita dal reparto di Psichiatria di Sassari dove era stata inizialmente ricoverata dopo il tentativo di suicdio. Per lei - che è ancora sedata e non può rispondere alle domande degli inquirenti - è scattata l'accusa di omicidio volontario.   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza