Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Iran: una ciocca da studenti Sud Sardegna ad ambasciata Roma

Iran: una ciocca da studenti Sud Sardegna ad ambasciata Roma

Sabato iniziativa all'Istituto tecnico Buonarroti di Guspini

GUSPINI, 17 gennaio 2023, 18:28

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli studenti dell'Istituto Tecnico Buonarroti di Guspini si taglieranno una ciocca di capelli in segno di protesta contro le vessazioni e le violazioni dei diritti fondamentali delle donne in Iran. Anche un no alle torture e alla pena di morte. Tutte queste ciocche verranno poi inviate tramite posta all'ambasciata dell'Iran in Italia, accompagnate da alcuni messaggi degli alunni sul rispetto della vita umana e sulla pari dignità tra uomo e donna. Il taglio di protesta scatterà sabato alle 10.

"Gli studenti - afferma il dirigente Mauro Canu - vivono in un Paese nel quale la pena di morte è vietata in quanto negazione del bene primario che è la vita e dove uomini e donne, come sancisce l'art. 3 della Costituzione, sono eguali, avendo gli stessi diritti e gli stessi doveri. Purtroppo in molti Paesi del globo, come l'Iran, non c'è rispetto per la vita, per i diritti umani e per i diritti fondamentali. Le donne sono considerate cittadini di seconda classe, oggetto di violenze e di abusi".

"I nostri studenti - conclude Canu - hanno deciso di protestare in maniera pacifica; di far sentire, anche da lontano, il loro appoggio ai coetanei iraniani; di sostenere la legittima protesta di chi rischia ogni giorno di essere arrestato o ucciso semplicemente perché si richiede maggiore dignità per tutti, eguaglianza dei diritti tra uomo e donna, maggiore rispetto dell'essere umano, affrancamento dalle molteplici forme di schiavitù cui sono sottoposte oggi, in Iran, le donne". 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza