Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Siccità: in alta Baronia progetto per diga di Abba Luchente

Siccità: in alta Baronia progetto per diga di Abba Luchente

Proposta del Consorzio di Bonifica della Sardegna centrale

POSADA, 05 gennaio 2023, 14:27

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

L'alta Baronia potrebbe disporre di un altro bacino di accumulo idrico per scongiurare la siccità, attraverso la costruzione di un nuovo sbarramento. È quanto sostiene il Consorzio di Bonifica della Sardegna centrale, attraverso il suo presidente Ambrogio Guiso, che sottolinea l'assoluta necessità per il territorio di ulteriori accumuli idrici.
    "Per la valle del fiume Posada è necessario un secondo invaso oltre a quello già esistente del Maccheronis. Una necessità che emerge ora drammaticamente - spiega Ambrogio Guiso - ma che in realtà è stata evidenziata da oltre cinquant'anni, da quando si iniziarono le progettazioni degli invasi esistenti e si calcolò il fabbisogno idrico del territorio. Ad affiancare il bacino del Maccheronis, con i suoi attuali 22 milioni di metri cubi di portata, nei cassetti della Regione e del nostro Consorzio di Bonifica Centrale, c'è un altro progetto, con tanto di studi di fattibilità geologica e progettazioni tecniche: si tratta dell'invaso di Abba Luchente, un bacino che nascerebbe nella omonima valle, dove si incontrano il fiume Posada con il Rio Mannu che scorre da Bitti, a monte dell'invaso di Maccheronis".
    "Vogliamo riprendere quel discorso - prosegue Guiso - e rimettere mano a quel progetto per il quale la Regione finanziò studi di fattibilità e progettazioni. Non è una semplice proposta la nostra, ma la necessità di riprendere un discorso con gli altri enti preposti, che ci porti in tempi brevi a dei risultati, anche alla luce delle risorse messe a disposizione del Governo con il Pnrr".
    Il bacino che nascerebbe in località Punta Abba Luchente potrebbe avere una capacità di 60 milioni di metri cubi d'acqua, di molto superiore quindi al bacino di Maccheronis che dispone di una capacità di 22 milioni. Nel 1991 furono eseguite indagini geognostiche, geofisiche, rilievi aerofotogrammetrici, consulenze ingegneristiche e geologiche. Nel 1998 venne elaborato un progetto preliminare che nel 2002 fu utilizzato per procedere alla progettazione definitiva per uno sbarramento a gravità con un'altezza di 64 metri nella stretta di Abba Luchente che avrebbe potuto servire un territorio di 550 kmq tra i territori di Galtellì, Irgoli, Loculi, Onanì, Onifai, Orosei, Posada, Siniscola, Torpè, Lodè.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza