Lirico Cagliari: tre pagine orchestrali e atmosfere russe

L'1 maggio sul podio del Lirico per la prima volta Matvienko

(ANSA) - CAGLIARI, 27 APR - Atmosfere russe con tre pagine orchestrali per l'atteso debutto sul palco del Lirico di Cagliari di Dmitry Matvienko.
    Il giovane direttore bielorusso che lo scorso anno ha conquistato il Premio della Critica dalla Giuria del prestigioso Premio internazionale di direzione d'orchestra "Guido Cantelli" di Novara, dirigerà l'Orchestra del Teatro Lirico.
    Il concerto sarà trasmesso in differita l'1-2 maggio, su Videolina e in streaming, in collaborazione con il Gruppo L'Unione Sarda. Affascinante il repertorio proposto. Si parte con l' "Ouverture festiva" di Šostakovič per poi proseguire con Masquerade Suite di Chačaturjan.
    La parte finale è con la seconda Sinfonia in si minore di Aleksandr Borodin. La prima esecuzione dell'Ouverture festiva ha luogo il 6 novembre 1954 al Teatro Bolshoi di Mosca, in occasione del 37/o anniversario della Rivoluzione d'ottobre. Un organico orchestrale molto ampio e variegato per un pezzo dalle sonorità vigorose e maestose, grazie soprattutto all'uso ampliato del settori degli ottoni e delle percussioni, in particolare nello strabiliante Finale.
    Composta da Chačaturjan per accompagnare in musica il dramma omonimo di Michail Lermontov, la Suite Masquerade è una pagina del 1941, con la quale l'autore si misura, per la prima volta, in maniera del tutto coinvolgente ed entusiasmante, con il teatro musicale russo, per poi raggiungere risultati straordinari con il balletto Spartacus.
    La Sinfonia n. 2 in si minore di Borodin composta tra il 1869 e il 1876 è un vivace, grandioso e a tratti anche malinconico affresco musicale in quattro movimenti, ispirato al folclore nazionale, un vero e proprio spaccato di vita quotidiana del popolo russo. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie